Tag Archive | "Antonio Fitto"

La Fimco Sport Maglie di pallanuoto pronta per la nuova stagione


Ai nastri di partenza la nuova stagione della Fimco Sport Maglie, unica rappresentante della pallanuoto nazionale nel territorio di Lecce e Brindisi nel Campionato Nazionale di Serie C e precisamente nel girone 8 comprendente Puglia – Calabria – Basilicata. La squadra del presidente Gigi Mileti sarà ufficialmente presentata questo pomeriggio a partire dalle ore 19 nell’aula consiliare alla presenza del sindaco Antonio Fitto. Ampia e competitiva la rosa: sono infatti ben 18 i giocatori a disposizione del tecnico Alessandro Matrì, il quale, oltre all’apporto dei nuovi innesti dal vivaio under 15 e 17, potrà contare sul contributo dei veterani, affiancando loro quello che rappresenta il vero e proprio colpo del presidente Mileti, il centroboa Marco De Marco, classe 1979, napoletano verace e atleta di vertice con una carriera di assoluto rispetto. De Marco è cresciuto nella scuola del Posillipo dove ha esordito in serie A a soli 18 anni: ha un palmares che conta, tra le altre, la vittoria dello scudetto Juniores nel 1996 e, con la prima squadra, lo storico bis della società partenopea nel 1998, quando riuscì a vincere lo scudetto e la coppa dei campioni nella leggendaria finale contro la Mladost Zagabria. Il campione napoletano è già da qualche anno di casa nell’ambiente Fimco in virtù delle sue origini in parte salentine (i nonni sono infatti originari di Otranto). Allenatosi spesso presso la piscina comunale di Maglie, nell’ultima stagione ha disputato il campionato di serie A con il Torino: “De Marco rappresenta il classico giocatore che può fare la differenza -afferma con orgoglio il presidente Mileti- non solo perché di un’altra categoria, ma anche per la sua esperienza e per tutto quello che può portare nello spogliatoio favorendo la crescita di tutto il nostro movimento. Ci tengo però a fare un plauso a tutta la squadra, ai giocatori che in questi ultimi tre anni hanno mantenuto la serie C a Maglie con grandi sacrifici e difficoltà, non dimentichiamo che si tratta di ragazzi che studiano o lavorano e che si spostano anche da lontano per venire ad allenarsi da noi. La rosa completa comprende i portieri Matteo Greco (1989), Antonio Toma (1991), Federico Zaminga (1988); i difensori Danilo Cazzolla (1990), Giorgio Doveri (1978), Alessandro Errico (1984), Simone Falco (1985), Luca Pinto (1989), Mattia Sabella (1993), Nico Zacheo (1994); gli attaccanti Benedetto Cosma (1981), Davide Falco (1989), Gabriele Gaetani (1984), Davide Magrì (1990), Luciano Maniglio (1993), Ettore Palma (1994); i centroboa Marco De Marco (1979), Francesco Ligorio (1984), Luca Mercaldi (1989); l’allenatore Alessandro Matrì; il dirigente accompagnatore Alessandro Panico e il presidente Gigi Mileti.

Maurizio Tarantino

Posted in SportComments (0)

Il Ciclone dona i libri sulla mobilità e punta il dito sull’Ufficio della bicicletta


Si è svolta nei giorni scorsi la quinta edizione di “Bike for Books”, la simbolica manifestazione organizzata dall’associazione del Ciclone.
Come ogni anno il presidente Paolo Sansò ha donato alla biblioteca comunale alcuni libri sul tema della mobilità sostenibile (Colin Ward, “Dopo l’automobile”; Apt Lecce, “Le Vie Verdi del Salento – Itinerari cicloturistici Apt 2011”; Provincia di Pavia, “Un Po di bicicletta”; Riccardo Latini, Mariacarla Castagna, “Guida al Cammino di Santiago de Compostela in bicicletta”; Roberto Lorusso, Nello De Padova, “Depiliamoci. Liberarsi del Pil superfluo e vivere felici”; Maurizio Pallante, “La decrescita felice”; Giulia Cortesi, Umberto Rovaldi, “Dalle rotaie alle bici”) e ha fatto il punto sulla situazione nella città di Maglie consegnando al primo cittadino Antonio Fitto i messaggi vergati direttamente dai cittadini su alcuni post-it, messaggi raccolti durante la tradizionale campagna natalizia di sensibilizzazione per la chiusura del centro storico. Univoca la richiesta per i magliesi: rendere la città più vivibile e a misura di pedone con limitazioni per il traffico. Da tempo il Ciclone si spende in iniziative volte al cambiamento di atteggiamento nei confronti della mobilità non lesinando critiche alle politiche messe in piedi proprio dall’amministrazione. L’ultima puntualizzazione arriva dal blog del presidente ruoteaffilate.blogspot.com e riguarda l’Ufficio della bicicletta: “Tre anni fa -spiega Sansò- nasceva un bellissimo bambino con un futuro radioso davanti. In realtà il parto non fu del tutto spontaneo in quanto fortemente sollecitato dal Ciclone.
Purtroppo l’infante venne presto abbandonato dalla vecchia amministrazione e forse neanche riconosciuto da quella attuale. Le attività dell’Ufficio sono ridotte praticamente zero (se si escludono le poche manifestazioni organizzate nel corso del 2009 grazie al contributo sostanziale del Ciclone e di altre associazioni), non è stato mai nominato un responsabile, né è stato mai individuato un luogo dove ubicare l’Ufficio, non sono mai stati fissati gli obiettivi da raggiungere, né sono state previste delle somme, pur piccole, per il funzionamento dell’Ufficio, non sono mai state promosse Domeniche Ecologiche o altre iniziative per la promozione della mobilità ciclistica”. Eppure il sindaco Antonio Fitto, conclude Sansò, “non perde mai l’occasione per ricordare ai suoi concittadini come l’amministrazione comunale di Maglie abbia istituito il primo Ufficio Biciclette dell’Italia Meridionale”.

Maurizio Tarantino

Posted in AttualitàComments (0)

La Cina si avvicina


La lingua più parlata al mondo sbarca al liceo Capece. Sarà attivata a partire dal prossimo anno scolastico una prima classe che avrà la lingua cinese tra le materie del piano di studi. L’indirizzo linguistico dell’istituto amplia così l’offerta formativa grazie alla collaborazione con l’Istituto Confucio dell’Università di Roma “La Sapienza”. A presentare la nuova opportunità, lunedì scorso durante il convegno “L’importanza di conoscere la Cina e studiare la lingua cinese”, il dirigente scolastico Roberto Muci: “Da anni il liceo Capece investe sull’apprendimento delle lingue e la scelta della lingua cinese, oltre alle ormai consolidate opzioni dell’inglese, del francese, del tedesco e dello spagnolo, si pone in un contesto Internazionale, vista le rilevanza delle economie emergenti, sia per ciò che riguarda il mondo del lavoro che per le future scelte di vita”. A partecipare all’incontro oltre al sindaco di Maglie, Antonio Fitto anche la professoressa Alizia Romanovic, preside della facoltà di lingue presso l’Università del Salento che ha sottolineato la lungimiranza dell’istituto sin dai tempi del preside Nicola De Donno che attivò, all’epoca, corsi di lingua russa. La presenza dell’Istituto Confucio è stata assicurata da Paolo De Troia, professore e ricercatore presso il Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali, Cattedra di Lingua e Letteratura Cinese e Filologia Cinese e dal professor Wen Zheng, associato presso l’Istituto di Lingue e Culture Europee dell’Università di Lingue Straniere di Pechino. Gli studenti si avvarranno, per tre ore settimanali nel biennio e per quattro nel triennio, di un docente di lingua e cultura cinese, in compresenza con un docente di conversazione madrelingua cinese per un’ora settimanale. L’accordo stipulato prevede l’organizzazione di scambi e vacanze-studio durante il periodo estivo in Cina, con borse di studio agli Studenti più meritevoli, la formazione dei docenti impegnati nei progetti di orientamento e ricerca didattica e la preparazione di un piano di studi per la lingua e la cultura cinese.

Maurizio Tarantino

Posted in AttualitàComments (0)

I tombini fascisti non scompariranno


I chiusini storici dell’epoca fascista saranno recuperati ed esposti nel museo dell’archeologia industriale di prossima istituzione nell’ex fabbrica di mobilio dei fratelli Piccinno. Si conclude nel miglior dei modi una vicenda nata in sordina ma che, col passare del tempo, era arrivata all’onore delle cronache cittadine. Nei giorni scorsi, infatti, l’Acquedotto pugliese aveva rimosso gli antichi tombini presenti in piazza Aldo Moro, a due passi dal circolo cittadino, con delle coperture in ghisa più moderne e funzionali ma sicuramente meno cariche di valore affettivo. L’intervento di manutenzione si era reso necessario a causa delle forti precipitazioni atmosferiche degli ultimi tempi che avevano danneggiato in maniera irreparabile i chiusini. Alcuni cittadini però, allarmati dalla sostituzione, avevano presentato le proprie rimostranze al sindaco Antonio Fitto che, con tempestività, aveva provveduto a sollecitare la restituzione all’ente dei tombini sostituiti. “Nella mattinata di giovedì scorso -ha dichiarato il primo cittadino- ho incontrato una delegazione dell’Aqp per rilevare la disponibilità a farci dono dei chiusini rimossi.
Ringrazio, perciò, i vertici dell’Acquedotto che sin da subito si sono dimostrati collaborativi ed hanno risposto con solerzia alle richieste di questa amministrazione, oggi come sempre impegnata nella salvaguardia del patrimonio storico ed artistico che Maglie racchiude e che merita tutela e valorizzazione”. I chiusini risalgono al XIV anno dell’era fascista e portano impresso il fascio littorio e lo stemma della città di Maglie e furono impiantati all’epoca dell’arrivo della cosiddetta “fogna dinamica” che permise di superare cioè il frequente ricorso allo sversamento nelle fosse biologiche.

Maurizio Tarantino

Posted in Politica, Primo PianoComments (0)

Patto di stabilità: controreplica di Giannuzzi al sindaco


Non si è fatta attendere la replica di Antonio Giannuzzi sulla questione del patto di stabilità. Una risposta che rilancia le preoccupazioni sulla grave situazione finanziaria alla luce dello sforamento attestato, a parere del consigliere di Città Libera, in circa un milione e centomila euro. “La stampa ha riportato la posizione del sindaco -spiega Giannuzzi- riferita alla pesante situazione finanziaria: è evidente che il primo cittadino tende a sminuire la serietà della situazione ritenendo che sia suo dovere farlo”. Antonio Fitto aveva sottolineato come lo sforamento del patto di stabilità per il 2011 fosse legato esclusivamente al saldo di spesa dell’anno, “anziché a situazioni di criticità di bilancio, tutte inesistenti”. Il riferimento, in quest’ultimo passaggio era proprio alla denuncia di Giannuzzi che aveva puntato il dito sulla gestione finanziaria: “Così come è stata politicamente condotta, in questi anni, non poteva che portare al peggio”. Giannuzzi inoltre respinge al mittente le accuse di scarso sostegno evidenziate dal sindaco Fitto: “Riguardo alla collaborazione reclamata, è facile rispondere che più volte la minoranza, come anche la Corte dei conti, hanno fatto dei rilievi puntualmente ignorati se non minimizzati. È il primo cittadino che minimizza quando fa intendere che lo sforamento del 2011 è una sciocchezza come se nulla fosse accaduto, per cui lo sforamento non avrebbe nessuna conseguenza. In realtà, il Patto o viene rispettato o no, le sanzioni sono le stesse e quelle per il 2012 saranno pesantissime. Precisiamo che lo sforamento del 2011 è di circa 1 milione e 100mila euro peggio di quanto temevamo. Bene farebbe il sindaco ad essere più realista per evitare che, a furia di dire che tutto va bene, ci si ritrovi nei guai come è successo con il precedente governo”.

Maurizio Tarantino

Posted in Politica, Primo PianoComments (0)

Il quartiere Madonnina si trasforma


Il quartiere Madonnina si appresta a cambiare volto. L’amministrazione comunale ha disposto infatti la messa a bando di una parte delle opere di urbanizzazione, quelle secondarie. L’intervento complessivo, seguito personalmente dal sindaco Antonio Fitto e dall’assessore all’urbanistica Franca Giannotti, ammonta a oltre 4 milioni e 600mila forniti dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Della somma totale, 2 milioni e mezzo di euro sono a disposizione per l’edilizia residenziale da parte dello Iacp, 1 milione e 194mila euro per le opere di urbanizzazione primaria e 931mila euro per l’urbanizzazione secondaria. Per questo appalto si spenderanno 647mila euro per lavori ed oneri di sicurezza, mentre le rimanenti somme resteranno a disposizione dell’amministrazione. Il progetto tecnico, redatto dagli architetti Maurizio Liaci e Vincenzo Castelluzzo e dall’ingegnere Luca Sperti prevede una profonda trasformazione dell’area, a partire dalla sistemazione delle attrezzature scolastiche della scuola media di via Manzoni, cioè il parco sportivo progettato nell’area libera destinata alle attrezzature: verranno costruite le piste di salto in lungo, di getto del peso e un campo polifunzionale di pallacanestro. Gli interventi prevedono anche la nascita dell’oratorio, la ristrutturazione della palestra della scuola, la realizzazione di una ludoteca che sarà caratterizzata da un edificio con pitturazione a colore vivace e da oblò circolari vetrati, quindi la sistemazione della sala congressi della chiesa del Sacro Cuore e le opere di ristrutturazione della sede degli uffici demografici e tributari comunali. In quest’ultimo caso verranno sistemate le facciate ormai completamente degradate e si installerà l’ascensore per i tre piani dell’edificio. La riqualificazione avrà il suo apice nella realizzazione del “Parcheggio in Parco”: nell’area compresa tra via Palma, via Pisino e via Bottazzi infatti sarà modificata la viabilità, con la creazione di una strada ad anello ad una sola corsia che troverà trova sfogo attraverso due direttrici, in via Palma e via Pisino. Il verde attrezzato sarà realizzato mediante un’unica isola pedonale insieme ad un area gioco con una pista da bocce.

Maurizio Tarantino

Posted in Politica, Primo PianoComments (0)

Fitto risponde a Giannuzzi sul patto di stabilità


Lo sforamento del patto di stabilità fa discutere nell’ambito politico magliese. A intervenire, dopo la sollecitazione del consigliere Antonio Giannuzzi, è il sindaco Antonio Fitto che non lesina alcune frecciatine al rappresentante di Città Libera. “Il contributo offerto da ogni singolo consigliere comunale in fatto di bilancio dell’ente -spiega il primo cittadino- è certamente meritevole di attenzione per il semplice fatto che l’approvazione dello strumento di gestione delle risorse finanziarie del comune è prerogativa esclusiva del consiglio. Pertanto ogni discussione e confronto sul Bilancio sollecitati da un consigliere sono utili se però finalizzati a una corretta e precisa informazione oltreché improntati su di un costruttivo dialogo, senza rappresentare o descrivere una situazione finanziaria dell’ente a dir poco irreale. In particolare, il denunciato sforamento del patto di stabilità come conseguenza di una cattiva gestione finanziaria o, peggio ancora, come sintomatico di una situazione di conti del bilancio comunale in rosso e in disordine è assolutamente notizia non vera”. Antonio Fitto si spinge a spiegare perché si è arrivati a questa situazione, ricostruendo quanto accaduto nei mesi passati: “Questa amministrazione ha continuato, con estremo rigore, la gestione di bilancio già avviata nel quinquennio precedente, creando così i presupposti per ridurre gli effetti delle limitazioni derivanti dalla nuova legge sul patto di stabilità e dai tagli dei trasferimenti agli enti locali. Nei fatti, lo sforamento del patto di stabilità per il 2011 è legato esclusivamente al saldo di spesa dell’anno, anziché -come invece dichiarato nel comunicato di un consigliere comunale di opposizione- da situazioni di criticità di bilancio, tutte inesistenti. Non ci sono debiti, né si è avuta una gestione poco attenta delle risorse. Tanto meno verranno assolutamente pregiudicati i trasferimenti statali o, ancora, la possibilità impositiva di tasse e tributi comunali. I conti dell’ente sono in ordine”. Il punto, precisa il primo cittadino è che “l’amministrazione ha semplicemente realizzato opere coperte da regolari finanziamenti. Finanziamenti, questi, che, per i motivi più diversi, o erano stati incassi nell’anno precedente, oppure non sono stati erogati -come dovuto- nel 2011 da altri enti, in particolare dalla Regione, per cui si è reso necessario procedere a delle anticipazioni all’impresa per inizio lavori a fronte del serio rischio di maggiori oneri a carico dell’amministrazione per ritardato pagamento. A tutto questo c’è da aggiungere l’assurdo meccanismo di allocazione contabile dei mutui ai fini del calcolo del patto di stabilità; infatti, gli importi dei mutui contratti direttamente dagli enti locali con la cassa depositi e prestiti -ed è il caso del Comune di Maglie nel 2011- devono essere unicamente considerati in uscita, escludendo così la pur ragionevole appostazione degli stessi anche in entrata. Meccanismo, questo, che inevitabilmente genera quello squilibrio più volte segnalato come problematico dall’Anci, e che purtroppo, a tutt’oggi, rimane irrisolto”. Per Fitto, in conclusione, è “questa è la corretta informazione che va data al cittadino. Questa è la corretta informazione che un consigliere comunale ha il dovere di dare al cittadino, senza insinuare sospetti e spargere veleni o procurare inesistenti allarmi alla comunità”.

Maurizio Tarantino

Posted in Politica, Primo PianoComments (0)

Al via il consiglio comunale dei ragazzi


Anche Maglie avrà il suo “sindaco baby”. È partito proprio in questi giorni il progetto dell’amministrazione comunale denominato “consiglio comunale dei ragazzi”. “È un’iniziativa importante-ha spiegato il sindaco Antonio Fitto-, finalizzata all’avvicinamento dei ragazzi alle istituzioni pubbliche con l’obbiettivo di permettere loro un’ulteriore crescita personale e socio-culturale e la maggiore capacità di relazionarsi anche con il territorio di appartenenza. In questo modo potranno dare un contributo costruttivo nella piena consapevolezza dei propri diritti e doveri. In questo modo si applicano le direttive della Carta europea di partecipazione dei giovani alla vita locale adottata dal Consiglio d’Europa, le disposizioni sulle leggi per la promozione dei diritti dei ragazzi e la convenzione sui diritti del fanciullo di New York”. A seguire il progetto l’assessore Luca Primiceri con il supporto del consigliere Roberta Iasella, delegata ai rapporti con la scuola, dei dirigenti scolastici delle scuole elementari Antonio Merico e Silvana Ferente e delle insegnanti Anna Rita Cancelli e Lucia Marrocco. L’istituzione del consiglio sarà riservato alle classi quarte e quinte della scuola primaria, in coerenza con il progetto denominato “Per una educazione ai Valori” che le scuole stanno trattando quest’anno, in particolare il primo circolo. Il consiglio comunale dei ragazzi avrà la durata corrispondente a quella dell’anno scolastico e saranno eletti due rappresentati per classe per un totale di ventisei consiglieri che si occuperanno di cultura, ambiente, problematiche giovanili, solidarietà. Nel corso dell’anno dovranno tenersi almeno due consigli comunali (all’inizio e prima della fine dell’anno scolastico). Solo per l’anno scolastico in corso le elezioni si svolgeranno il giorno 7 febbraio e la campagna elettorale partita il 1° febbraio e si chiuderà il 5 febbraio prossimo. Il sindaco sarà eletto dal consiglio comunale dei ragazzi con voto segreto tra primi tre classificati alle elezioni in ogni plesso (via Diaz, via Matteotti e via Lanoce). Oltre al sindaco, sarà eletto anche il vice sindaco la cui carica sarà assunta dal candidato che ha ricevuto più voti nell’elezione dei rappresenti di classe appartenente all’istituto scolastico diverso da quello del sindaco. Nella seduta consiliare successiva alla elezione, il sindaco dei ragazzi dovrà scegliere sei rappresentati della giunta: uno di quarta e uno di quinta di ogni plesso.

Maurizio Tarantino

Posted in Politica, Primo PianoComments (0)

Maglie, Francesco Rosario Arena il nuovo segretario comunale


L’avvocato Francesco Rosario Arena è stato nominato nuovo segretario generale del comune di Maglie. Una nomina attesa, arrivata dopo la valutazione dei curricula dei candidati, da parte del sindaco Antonio Fitto. Il nuovo segretario arriva da Tricase e prenderà il posto dell’uscente Esmeralda Nardelli che, a sua volta, ha effettuato il percorso inverso assumendo l’incarico presso il municipio tricasino.

La questione del segretario magliese è arrivata a conclusione dopo alcuni mesi: da marzo infatti la segretaria Nardelli non aveva potuto garantire, per motivi di salute, la presenza costante in municipio.

Per questo, appena è stato possibile, ha preferito accettare l’incarico presso il comune di Tricase, suo paese d’origine. Alla base della decisione anche il raffreddamento dei rapporti con il primo cittadino, Antonio Fitto con il quale, anche se non ufficialmente, ci sarebbero state delle divergenze di vedute su alcune modalità operative. Il sindaco Fitto ha voluto ringraziare la segretaria per il lavoro svolto in tutti questi anni: “L’attività della dottoressa Nardelli, in servizio presso il nostro comune dal 2005 è stata assai preziosa e improntata al massimo rendimento. Vorrei fare un plauso anche al dirigente dell’ufficio finanziario Rossano Marra che in questi mesi ha svolto egregiamente le funzioni di supplenza in attesa della nomina del nuovo funzionario”. Il segretario Arena ha già iniziato a fare conoscenza con gli uffici comunali: ieri ha visitato la sede centrale, oggi si recherà nella sede distaccata in via Ferramosca e nel pomeriggio incontrerà i componenti della giunta comunale. “Abbiamo puntato su un professionista giovane -ha concluso il sindaco- ma di indubbia professionalità. Sono certo che il nuovo segretario sarà in grado di dare continuità al lavoro già avviato negli anni passati, creando una forte sinergia soprattutto con tutti i dipendenti degli uffici comunali”.

Maurizio Tarantino

Posted in Politica, Primo PianoComments (0)

Piano triennale opere pubbliche


Saranno quasi 35 i milioni che l’amministrazione di Antonio Fitto intende impiegare per la realizzazione o il completamento delle opere pubbliche cittadine nei prossimi tre anni. Il documento, licenziato nei giorni scorsi dalla giunta, è a disposizione del pubblico fino a fine febbraio e prevede una consistente serie di interventi. Solo per l’anno in corso sono in ballo 12 milioni di euro. Grazie ai Fondi comunitari 2007-2013 si procederà alla manutenzione straordinaria della rete di fognatura nera (2 milioni e 290 mila euro), al risanamento e al potenziamento della rete idrica nell’abitato (650mila euro), al completamento del Museo del patrimonio industriale con la ristrutturazione dell’ex Fabbrica di Mobilio dei fratelli Piccinno (2milioni e 694mila euro) e alla costruzione di un farmer market adiacente all’area mercatale (un milione e 165mila euro). Sempre nel 2012 e sempre grazie ad interventi targati Bruxelles si procederà alla bonifica del terreno dell’ex inceneritore dei rifiuti (185mila euro), sarà ultimato il programma integrato di riqualificazione periferie di Via Muro (un milione e centomila euro), saranno sistemate le strade esterne (361mila euro) e si interverrà sulla sostenibilità ambientale e l’innovazione della scuola materna di via Sticchi (700mila euro).

Con i Fondi statali invece si migliorerà l’efficienza energetica degli edifici ed utenze energetiche pubbliche о ad uso pubblico (516mila euro). Attraverso i fondi Pon Fesr saranno portati a termine i progetti “Ambienti per l’apprendimento” che riguardano alcuni istituti cittadini: la scuola elementare di Via Diaz (174mila euro), la scuola media Panareo di via Manzoni (350mila euro) e la scuola materna di via Sticchi (350mila euro). Sempre con i fondi Pon sarà dato il via alla costruzione di un campo polivalente coperto (500mila euro). I fondi della Regione permetteranno la messa in sicurezza del quadrante sud-est di Maglie (800mila euro) e la riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile (5 milioni di euro). La Provincia invece sarà l’ente che darà una mano a ristrutturare il palazzetto dello sport (850mila euro).

Maurizio Tarantino

Posted in Politica, Primo PianoComments (0)

La segretaria Nardelli si è dimessa


Si è dimessa nei giorni scorsi la segretaria generale del Comune di Maglie, Esmeralda Nardelli. D’accordo con il primo cittadino Antonio Fitto la professionista ha lasciato l’incarico per accettare di entrare a far parte dello staff del Comune di Tricase attualmente commissariato. La segretaria Nardelli aveva cominciato il suo lavoro presso l’amministrazione magliese nel settembre del 2005 per volontà dello stesso Fitto che l’aveva inserita nell’organigramma comunale. Da allora aveva ricoperto diversi incarichi oltre a quello di segretario generale: direttore generale della città di Maglie, presidente del nucleo di valutazione, dirigente dell’Uos (Unità Organizzativa di Servizio) “Attività produttive, Ufficio studi, ricerche e acquisizioni finanziamenti, servizio statistico” (quest’ultima responsabilità mantenuta fino al giugno 2008), dirigente dell’ufficio legale e del contenzioso e delle relazioni con il pubblico, dirigente del controllo di Gestione, dirigente del monitoraggio di processo sulle implementazioni delle politiche di sviluppo e progettazione e dirigente dei servizi di comunicazione ed informazione. Incarichi di un certo rilievo che non hanno impedito però, nell’ultimo anno, un deterioramento dei rapporti con il primo cittadino per divergenze di vedute sull’organizzazione degli uffici. Nel marzo scorso vi fu addirittura una proposta di ordine del giorno da parte del Partito Democratico per far luce su alcuni screzi (mai confermati) avvenuti durante una seduta di giunta proprio tra la segretaria Nardelli e il sindaco Antonio Fitto. Il Partito Democratico avrebbe voluto esprimere solidarietà alla professionista ma la discussione non si tenne per la mancata intesa sulle modalità dell’assemblea che avrebbe dovuto riunirsi, per motivi di privacy, in convocazione segreta. Negli ultimi mesi poi la segretaria aveva partecipato solo occasionalmente all’attività comunale a causa di problemi di salute personali. Intanto è stato aperto il bando per la sostituzione della professionista: nei prossimi giorni il sindaco Fitto, presa visione dei curricula pervenuti, sceglierà il nuovo segretario generale del comune.

Maurizio Tarantino

Posted in Politica, Primo PianoComments (0)

Nuova vita per il Campo Boario


L’area del Campo Boario potrà essere trasformata in un centro commerciale. È questo l’indirizzo emerso dal dibattito in consiglio comunale di martedì scorso sulla base di due ordini del giorno presentati dall’amministrazione. Il grande immobile (oltre 600 metri quadri) era finito sulla lista dei beni da dismettere già da qualche tempo tanto che si era arrivati a proporre, nel corso dell’anno, due aste pubbliche, una con base di partenza fissata a 285mila euro, la successiva ribassata a 230mila, andate però entrambe deserte. Una decisione, quella della vendita, non condivisa soprattutto dal consigliere di Città libera, Antonio Giannuzzi convinto del valore del bene nato negli anni ‘70 come sede del mercato del bestiame ma rimasto allo stato di rustico. Per Giannuzzi l’amministrazione stava commettendo un errore perché in qualche modo si sarebbe potuto ricavare molto di più dalla vendita vista l’origine di natura commerciale del bene. Ma la svolta è arrivata inattesa alla fine di ottobre quando il compartimento dell’Anas ha comunicato l’intenzione di apportare una variante al percorso che intersecherà la statale 16 con la 275: il rondò di collegamento infatti originariamente previsto più vicino al centro abitato, sarà realizzato più a est. Una decisione che è caduta a fagiolo e che permetterà appunto di valorizzare l’area del Campo Boario. Con il nuovo progetto infatti si migliorerà la viabilità di servizio, le complanari e gli accessi all’immobile fino ad oggi tagliato completamente fuori da ogni possibilità di collegamento. Una prospettiva nuova colta al balzo dall’amministrazione che in consiglio ha dapprima approvato la variante proposta dall’Anas e a seguire ha proposto il mutamento della destinazione urbanistica dell’area in questione che passerà da Zona E1, cioè “agricola produttiva normale” a D3, “attività distributive, commerciali e direzionali”. Adesso sarà compito dei tecnici stabilire il valore dell’area che sarà certamente maggiore rispetto alle basi d’asta precedentemente fissate. Il sindaco Antonio Fitto ha espresso soddisfazione: “È ovvio -ha spiegato il primo cittadino- che la possibilità di avere un grande immobile da adibire a centro commerciale su una strada di grande comunicazione potrebbe essere appetita da investitori fino a oggi frenati da una destinazione non proprio utile. Noi cercheremo di trarre il massimo dalla collocazione”.

Maurizio Tarantino

Posted in PoliticaComments (0)

Slideshow

Iscriviti alla Newsletter

Subscribe to our newsletter

You will receive an email with the confirmation link (check your spam folder if NOT)
Sendit Wordpress newsletter
Sendit Wordpress newsletter

Paperback Writers

Tag Cloud

PHVsPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19hZHNfcm90YXRlPC9zdHJvbmc+IC0gdHJ1ZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX2ltYWdlXzE8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb20vYWRzLzEyNXgxMjVhLmpwZzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX2ltYWdlXzI8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb20vYWRzLzEyNXgxMjViLmpwZzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX2ltYWdlXzM8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb20vYWRzLzEyNXgxMjVjLmpwZzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX2ltYWdlXzQ8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb20vYWRzLzEyNXgxMjVkLmpwZzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX21wdV9hZHNlbnNlPC9zdHJvbmc+IC0gPHNjcmlwdCB0eXBlPVwidGV4dC9qYXZhc2NyaXB0XCIgbGFuZ3VhZ2U9XCJKYXZhU2NyaXB0XCI+DQo8IS0tDQoNCmZ1bmN0aW9uIHJhbmRvbV9pbWdsaW5rKCl7DQp2YXIgbXlpbWFnZXM9bmV3IEFycmF5KCkNCm15aW1hZ2VzWzFdPVwiL3dwLWNvbnRlbnQvdXBsb2Fkcy8yMDEyLzA1L2Jhbm5lci4tc2NoaXRvLmpwZ1wiDQoNCg0KDQoNCnZhciBpbWFnZWxpbmtzPW5ldyBBcnJheSgpDQppbWFnZWxpbmtzWzFdPVwiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC8yMDEyLzA0LzMwL2FudG9uaW8tc2NoaXRvLWludGVydmlzdGEtZG9wcGlhL1wiDQoNCg0KDQp2YXIgcnk9TWF0aC5mbG9vcihNYXRoLnJhbmRvbSgpKm15aW1hZ2VzLmxlbmd0aCkNCmlmIChyeT09MCkNCnJ5PTENCmRvY3VtZW50LndyaXRlKFwnPGEgaHJlZj1cJytcJ1wiXCcraW1hZ2VsaW5rc1tyeV0rXCdcIlwnK1wnIFRBUkdFVD1cIl9ibGFua1wiPjxpbWcgc3JjPVwiXCcrbXlpbWFnZXNbcnldK1wnXCIgPjwvYT5cJykNCn0NCnJhbmRvbV9pbWdsaW5rKCkNCi8vLS0+DQo8L3NjcmlwdD48L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19hZF9tcHVfZGlzYWJsZTwvc3Ryb25nPiAtIHRydWU8L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19hZF9tcHVfaW1hZ2U8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb20vYWRzLzMwMHgyNTBhLmpwZzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX21wdV91cmw8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb208L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19hZF90b3BfYWRzZW5zZTwvc3Ryb25nPiAtIDwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX3RvcF9kaXNhYmxlPC9zdHJvbmc+IC0gdHJ1ZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX3RvcF9pbWFnZTwvc3Ryb25nPiAtIGh0dHA6Ly9vdHJhbnRvLmlub25kYS5sZS5pdC93cC1jb250ZW50L3RoZW1lcy9wb3J0YWwvYWRzLzQ2OHg2MC9ubTQ2OHg2MC5naWY8L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19hZF90b3BfdXJsPC9zdHJvbmc+IC0gaHR0cDovL290cmFudG8uaW5vbmRhLmxlLml0Lz9wPTk5MTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX3VybF8xPC9zdHJvbmc+IC0gaHR0cDovL3d3dy53b290aGVtZXMuY29tPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fYWRfdXJsXzI8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb208L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19hZF91cmxfMzwvc3Ryb25nPiAtIGh0dHA6Ly93d3cud29vdGhlbWVzLmNvbTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX3VybF80PC9zdHJvbmc+IC0gaHR0cDovL3d3dy53b290aGVtZXMuY29tPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fYWx0X3N0eWxlc2hlZXQ8L3N0cm9uZz4gLSBsaWdodGJsdWUuY3NzPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fYXV0aG9yPC9zdHJvbmc+IC0gdHJ1ZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2F1dG9faW1nPC9zdHJvbmc+IC0gdHJ1ZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2N1c3RvbV9jc3M8L3N0cm9uZz4gLSA8L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19jdXN0b21fZmF2aWNvbjwvc3Ryb25nPiAtIDwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2ZlYXR1cmVkX2NhdGVnb3J5PC9zdHJvbmc+IC0gUHJpbW8gUGlhbm88L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19mZWF0X2VudHJpZXM8L3N0cm9uZz4gLSA0PC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fZmVlZGJ1cm5lcl9pZDwvc3Ryb25nPiAtIDwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2ZlZWRidXJuZXJfdXJsPC9zdHJvbmc+IC0gaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC8/ZmVlZD1yc3MyPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fZ29vZ2xlX2FuYWx5dGljczwvc3Ryb25nPiAtIDxzY3JpcHQ+DQogIChmdW5jdGlvbihpLHMsbyxnLHIsYSxtKXtpW1wnR29vZ2xlQW5hbHl0aWNzT2JqZWN0XCddPXI7aVtyXT1pW3JdfHxmdW5jdGlvbigpew0KICAoaVtyXS5xPWlbcl0ucXx8W10pLnB1c2goYXJndW1lbnRzKX0saVtyXS5sPTEqbmV3IERhdGUoKTthPXMuY3JlYXRlRWxlbWVudChvKSwNCiAgbT1zLmdldEVsZW1lbnRzQnlUYWdOYW1lKG8pWzBdO2EuYXN5bmM9MTthLnNyYz1nO20ucGFyZW50Tm9kZS5pbnNlcnRCZWZvcmUoYSxtKQ0KICB9KSh3aW5kb3csZG9jdW1lbnQsXCdzY3JpcHRcJyxcJy8vd3d3Lmdvb2dsZS1hbmFseXRpY3MuY29tL2FuYWx5dGljcy5qc1wnLFwnZ2FcJyk7DQoNCiAgZ2EoXCdjcmVhdGVcJywgXCdVQS0yMDQ3MTcwNC0xXCcsIFwnYXV0b1wnKTsNCmdhKFwnc2V0XCcsIFwnYW5vbnltaXplSXBcJywgdHJ1ZSk7DQogIGdhKFwnc2VuZFwnLCBcJ3BhZ2V2aWV3XCcpOw0KDQo8L3NjcmlwdD4NCg0KPHNjcmlwdD4NCiAgKGZ1bmN0aW9uKGkscyxvLGcscixhLG0pe2lbXCdHb29nbGVBbmFseXRpY3NPYmplY3RcJ109cjtpW3JdPWlbcl18fGZ1bmN0aW9uKCl7DQogIChpW3JdLnE9aVtyXS5xfHxbXSkucHVzaChhcmd1bWVudHMpfSxpW3JdLmw9MSpuZXcgRGF0ZSgpO2E9cy5jcmVhdGVFbGVtZW50KG8pLA0KICBtPXMuZ2V0RWxlbWVudHNCeVRhZ05hbWUobylbMF07YS5hc3luYz0xO2Euc3JjPWc7bS5wYXJlbnROb2RlLmluc2VydEJlZm9yZShhLG0pDQogIH0pKHdpbmRvdyxkb2N1bWVudCxcJ3NjcmlwdFwnLFwnLy93d3cuZ29vZ2xlLWFuYWx5dGljcy5jb20vYW5hbHl0aWNzLmpzXCcsXCdnYVwnKTsNCg0KICBnYShcJ2NyZWF0ZVwnLCBcJ1VBLTIwNDk2ODEzLTFcJywgXCdhdXRvXCcpOw0KZ2EoXCdzZXRcJywgXCdhbm9ueW1pemVJcFwnLCB0cnVlKTsNCiAgZ2EoXCdzZW5kXCcsIFwncGFnZXZpZXdcJyk7DQoNCjwvc2NyaXB0Pg0KPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29faG9tZTwvc3Ryb25nPiAtIGZhbHNlPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29faG9tZV90aHVtYl9oZWlnaHQ8L3N0cm9uZz4gLSA1NzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2hvbWVfdGh1bWJfd2lkdGg8L3N0cm9uZz4gLSAxMDA8L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19pbWFnZV9zaW5nbGU8L3N0cm9uZz4gLSBmYWxzZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2xvZ288L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lm90cmFudG9vZ2dpLml0L3dwLWNvbnRlbnQvd29vX3VwbG9hZHMvMTAtbG9nbzQuanBnPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fbWFudWFsPC9zdHJvbmc+IC0gaHR0cDovL3d3dy53b290aGVtZXMuY29tL3N1cHBvcnQvdGhlbWUtZG9jdW1lbnRhdGlvbi9nYXpldHRlLWVkaXRpb24vPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fcmVzaXplPC9zdHJvbmc+IC0gdHJ1ZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3Nob3J0bmFtZTwvc3Ryb25nPiAtIHdvbzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3Nob3dfY2Fyb3VzZWw8L3N0cm9uZz4gLSBmYWxzZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3Nob3dfdmlkZW88L3N0cm9uZz4gLSB0cnVlPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fc2luZ2xlX2hlaWdodDwvc3Ryb25nPiAtIDIwMDwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3NpbmdsZV93aWR0aDwvc3Ryb25nPiAtIDIwMDwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3RhYnM8L3N0cm9uZz4gLSB0cnVlPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fdGhlbWVuYW1lPC9zdHJvbmc+IC0gR2F6ZXR0ZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3VwbG9hZHM8L3N0cm9uZz4gLSBhOjg6e2k6MDtzOjYxOiJodHRwOi8vd3d3Lm90cmFudG9vZ2dpLml0L3dwLWNvbnRlbnQvd29vX3VwbG9hZHMvMTAtbG9nbzQuanBnIjtpOjE7czo2MDoiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC93cC1jb250ZW50L3dvb191cGxvYWRzLzktbG9nbzQuanBnIjtpOjI7czo2MDoiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC93cC1jb250ZW50L3dvb191cGxvYWRzLzgtbG9nbzMuanBnIjtpOjM7czo2MDoiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC93cC1jb250ZW50L3dvb191cGxvYWRzLzctbG9nbzMuanBnIjtpOjQ7czo2MDoiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC93cC1jb250ZW50L3dvb191cGxvYWRzLzYtbG9nbzMuanBnIjtpOjU7czo2MDoiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC93cC1jb250ZW50L3dvb191cGxvYWRzLzUtbG9nbzIuanBnIjtpOjY7czo1OToiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC93cC1jb250ZW50L3dvb191cGxvYWRzLzQtbG9nby5qcGciO2k6NztzOjU5OiJodHRwOi8vd3d3Lm90cmFudG9vZ2dpLml0L3dwLWNvbnRlbnQvd29vX3VwbG9hZHMvMy1sb2dvLmpwZyI7fTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3ZpZGVvX2NhdGVnb3J5PC9zdHJvbmc+IC0gVmlkZW88L2xpPjwvdWw+