Archive | Eventi e Spettacoli

Torna Fornelli Indecisi, terza edizione del concorso di cucina dozzinale

La gara di cucina dozzinale, Fornelli Indecisi, è giunta alla terza edizione. C’è tempo sino al 15 marzo per partecipare al concorso, nato dall’esperienza dell’omonimo gruppo su Facebook e ideato dal patron Pierpaolo Lala. La partecipazione è aperta a tutti, tranne che ai cuochi o alle cuoche professionisti: casalinghe disperate, single buongustai, nonne con la frittura nel sangue, ammiragli in pensione, professori con la passione per le uova, mamme con la polpetta facile, zii con il vizio della crostata, nonni avvezzi alla pasta con le cozze, cugini campioni di riempimento pucce. Dunque, tutti accomunati dalla passione per la cucina e dalla voglia di condividere i propri segreti. La cucina dozzinale è una cucina semplice, fatta con ingredienti che si trovano in casa, basata sulle ricette tramandate dalle nostre nonne o frutto dell’improvvisazione del momento. Nelle prime due edizioni hanno partecipato oltre 150 persone (dai 18 ai 90 anni) provenienti da tutta Italia, con l’unico obiettivo di divertirsi.

Ogni candidato dovrà mandare una mail (compilando il form che si trova sul sito www.fornellindecisi.it) entro e non oltre il 15 marzo 2013 a cucina@fornellindecisi.it con una ricetta di cucina dozzinale, con ingredienti e modalità di preparazione, una breve scheda che presenti il candidato, un testo (massimo 3000 battute) che illustri la ricetta, le sensazioni che il candidato prova e le motivazioni che hanno portato alla sua scelta, e una foto che lo immortali con il piatto appena sfornato e allestito. Ogni candidato (anche a sua insaputa) potrà partecipare a una sola delle quattro categorie previste: antipasti (di mare o di terra); primi piatti (caldi o freddi); secondi piatti con contorno; dolci.

Nella prima fase di selezione la giuria – in via di definizione ma sicuramente valida, simpatica, buongustaia e competente, presieduta da Pierpaolo Lala e coordinata da Don Pasta – dopo una rigida scelta che terrà conto del materiale prodotto, decreterà sei ricette finaliste per ciascuna categoria che parteciperanno alle Primarie del centrotavola e verranno votate direttamente dal pubblico via facebook e via mail. Verranno così scelte tre ricette per ciascuna categoria che si sfideranno nella finalissima prevista per domenica 5 maggio alla Masseria Ospitale sulla Lecce/Torre Chianca (www.masseriaospitale.com) grazie alla collaborazione di Oronzo, Valeria e dello staff del ristorante.

Nel corso della finale i cuochi giunti alla sfida pratica dovranno cucinare la propria ricetta (aiutati da alcuni chef) e farla assaggiare a una giuria composta da esperti e da persone selezionate nel pubblico (in tutto una dozzina) che assaggeranno le dodici pietanze e decreteranno il vincitore per ogni categoria. Anche quest’anno è prevista una giuria tecnica di qualità che assegnerà il premio della critica. Ovviamente tutti i partecipanti alla giornata non resteranno a bocca asciutta ma degusteranno il pranzo preparato da Valeria, chef del ristorante. Una vera e propria festa della cucina. Ai vincitori andranno tanti onori e ricchi premi (in materie prime).

Pierpaolo Lala, classe 1977, è giornalista, socio fondatore e lavoratore della cooperativa CoolClub di Lecce che si occupa di ideazione, organizzazione e promozione di eventi culturali, di uffici stampa e di editoria. Nel 2004 ha pubblicato con Maria Vittoria Dell’Anna il volume Mi consenta un girotondo. Lingua e lessico nella Seconda Repubblica. Dopo una lunga militanza su fanzine e giornali autoprodotti, nel 1996 ha iniziato a scrivere su quotidiani e periodici locali. La sua grande passione fin da piccolo è la cucina. Dall’esperienza di Fornelli Indecisi è nato 50 sfumature di fritto. Piccolo manuale untologico, Lupo Editore (www.50sfumaturedifritto.org). Il libro, giunto in circa un mese alla prima ristampa, raccoglie cinquanta ricette (rigorosamente fritte) pensate e scritte da una pattuglia di giornaliste e docenti universitari, casalinghe e pensionati, professori e professioniste, nonne e nipoti, mamme e figli, food blogger e appassionati. Tutte le info e nuove ricette sono sul sito www.fornellindecisi.it

Posted in Eventi e SpettacoliComments (0)

A Lecce scarpette rosse e anime scalze contro la violenza

Domenica 3 febbraio Lecce si tinge di rosso e 10, 100, 1000 anime scalze marciano solidali per la città, e gridano in piazza Duomo contro la violenza di genere. Da un progetto di arte pubblica di Elina Chauvet nasce “ Zapatos Rojos” una manifestazione promossa dalla consigliera di Parità Alessia Ferreri, dall’assessore alle Politiche Sociali e alle Pari Opportunità della Provincia di Lecce Filomena d’Antini Solero, in collaborazione con la Commissione Pari Opportunità della Provincia di Lecce.

L’idea dell’artista Elina Chauvet, nata in Messico nel 1959, parte da una testimonianza diretta di violenza perpetrata a Ciudad Juarez, una “BorderTown” nello stato di Chiuhauha, dove molte donne, nella più totale indifferenza del governo, sono vittime di stupri e omicidi: sia privati compiuti da fidati nenici, che pubblici inflitti da infedeli gang criminali. Il progetto iniziato nel 2009 e curato da Francesca Guerisoli, ha  travalicato ogni limes spazio-temporale. I
confini territoriali del Messico sono smarginati in tutto il mondo e hanno coinvolto migliaia di donne. Lecce, dopo Milano e Genova è la terza tappa
italiana della manifestazione. Le anime rosa depongono le scarpe e scalse e nude da pregiudizi e paure si mettono in cammino contro il femminicidio, e verso una ritrovata dignità umana e sociale.

Domenica dalle 10 alle 18 le donne di Lecce e provincia sono invitate a portate le proprie o altrui zapatos raios, o possono consegnare le zapatos  di colore diverso affinché possano essere verniciate di rojos in Piazza Duomo. Un gesto simbolico per dipingere il mondo del colore dell’amore, e non permettere mai più che il rosso della passione si trasformi in freddezza omicida, il rosso dell’amore si alteri nel nero dell’odio, il rosso della vita involva  nel non colore della morte. Un movimento del cuore per una buona e nuova vita a tutte le anime scalze del mondo.

Posted in Eventi e SpettacoliComments (0)

Luca Mosca: C’è musica nella musica

Sabato 26 gennaio il compositore e pianista milanese Luca Mosca torna a Lecce con il concerto C’è musica nella musica da Bach a Duke Ellington, da Kate Bush ai Beatles. Luca Mosca vuole dimostrare come la musica nasce sempre da altra musica, come in Bach e in Beethoven si possa trovare dello swing, che le forme classiche si possono incontrare in Duke Ellington e in Kate Bush e che ci può essere arte nella musica commerciale e del divertimento nella musica d’arte, senza che queste si escludano a vicenda.

Si può dire di Luca Mosca che è un musicista e compositore molto prolifico. Nato a Milano nel 1957 ha iniziato a comporre fin da giovane, soprattutto dopo essersi diplomato in pianoforte, in clavicembalo e in composizione al  Conservatorio G. Verdi di Milano. Il suo linguaggio è del tutto personale e unico ed è basato su un uso regolare del totale cromatico in cui la componente ritmica è fondamentale. Fa oltre spesso uso di virtuosismi vocali e strumentali. Suonando in tutta Italia propone nei concerti principalmente programmi composti da musica contemporanea, autori del novecento storico e sue composizioni.

Il concerto si svolgerà presso i Cantieri Teatrali Koreja di Lecce, start ore 21, ingresso 6 euro.

Posted in Eventi e SpettacoliComments (0)

Musica made in Salento con I Granma a Parabita e Ninfa Giannuzzi a Lecce

A quattro giorni dall’uscita del nuovo singolo Dormi e Sogna, in rotazione su Radio 105, accompagnata dalla pubblicazione dei videoclip, i Granma questa sera si esibiranno a Bakayokò di Parabita dove suoneranno i pezzi del loro primo album Non Cambierà, pubblicato nel 2012. La band è presente da diversi anni nella scena musicale salentina e negli ultimi anni ha condiviso il palco con importanti artisti come Santana e Zucchero, dei quali hanno aperto alcuni concerti e hanno partecipato, tra l’altro, al tour estivo di Radio2 – Xfactor con Max Gazzè, Arisa, Alex Britti e Giuliano Palma.

Per leggere la recensione http://www.otrantooggi.it/2013/01/22/dormi-e-sogna-dal-21-gennaio-il-nuovo-videoclip-dei-granma/

Dalla musica rock a quella popolare ma sempre made in Salento con il concerto Ruba Mazzo di Ninfa Giannuzzi, accompagnata dalla chitarra di Valerio Daniele, al Coffeandcigarettes di Lecce. Ninfa Giannuzzi è un caposaldo della musica popolare salentina, con diversi lavori discografici alle spalle e vari anni di partecipazione al concertone della Notte della Taranta di Melpignano. Start ore21, ingresso libero.

Posted in Eventi e SpettacoliComments (0)

Luigi Mariano, il cantautore Asincrono al La Gatta al Lardo di Lecce

Il cantautore Luigi Mariano, salentino di origine ma trasferitosi a Roma ventuno anni fa, dopo essersi fatto conoscere in particolare nella capitale ed essere stato in giro per l’Italia, porta la sua musica anche nella sua terra natia, dove è tornato per una serie di tappe del suo tour Canzoni e storie nel disagio di un tempo sfalsato. Il suo è un repertorio di inediti e di omaggi ai grandi cantautori italiani.

Come ogni cantautore di rispetto con le sue canzoni Luigi Mariano è in grado di passare dai toni intimistici, con cui affronta temi come quello dell’amore, alla denuncia sociale, e dai toni seriosi a quelli più ironici, con una scrittura semplice e diretta e una voce che rispecchia gli ascolti della formazione, in particolare Giorgio Gaber.

Asincrono non è solo il nome del suo primo album, pubblicato nel 2010, ma anche l’aggettivo con cui è definito questo cantautore per l’assenza di schemi, sia nella scrittura che nel suo modo di spaziare tra vari generi, dal blues al folk alla rumba e spesso anche al pop.

La Gatta al Lardodi Lecce (in Via dei Verardi 7) ospiterà il suo prossimo live, questa sera, venerdì 25 gennaio. Start ore 21,30, ingresso libero.

Posted in Eventi e SpettacoliComments (0)

A Monia Palmieri il “Lions Premio Donna Talento”

Monia Palmieri premiata con il Lions Premio Donna Talento. Il 19 gennaio scorso, presso il teatro Paisiello di Lecce, la presentatrice, conduttrice televisiva e Direttrice artistica di eventi, ha ricevuto il pregevole premio. La manifestazione culturale è stata organizzata dal Lions International Distretto 108 AB con il patrocinio di Regione Puglia, Provincia di Lecce, comune di Lecce “Candidata capitale Europea Cultura 2019”, Università del Salento e Camera di Commercio di Lecce.

La commissione del Lions Premio Donna Talento ha all’unanimità assegnato il suddetto riconoscimento a sei personalità femminili pugliesi, tra cui la poliedrica Palmieri. Nota a livello nazionale anche per aver condotto più volte il Concerto della Banda musicale della Guardia di Finanza, trasmesso da Rai 1. A consegnarle il premio, nel corso della serata condotta dal giornalista Rai e scrittore Enzo Quarto, è stato Naldo Anselmi, presidente della commissione del Lions Premio Donna Talento e Past Presidente Nazionale del Consiglio Governatori del Muldistretto 108 Italy, con la seguente motivazione:

“Dotata di eccellenti attitudini naturali verso diverse forme artistiche, dal canto, alla recitazione, al giornalismo, alla poesia, la creatività, l’originalità e la spiritualità di Monia Palmieri, si sublimano nella conduzione e direzione artistica di eventi. Presentatrice di prestigiose manifestazioni a livello nazionale e internazionale, anche in famosi teatri italiani, è conduttrice di eventi trasmessi dalla RAI, da canali della piattaforma SKY e da tv locali e regionali. Elevata professionalità nella conduzione, serietà, dignità, attenzione danno senso valoriale al suo percorso professionale costruito con studio, passione, tenacia e lodevole impegno”.

In particolare, si tratta di un’opera in terracotta di pregevole fattura artistica raffigurante una figura femminile, eseguita interamente a mano dall’artista Caterina Della Tommasa e disegnata dal costumista Christian Cordella. Durante la premiazione della presentatrice magliese, il governatore del Lions International Distretto 108 AB Francesco Barracchia le ha consegnato il suo gagliardetto.

Monia Palmieri ha così commentato:

“E’ stata una serata bellissima e ringrazio di vero cuore i componenti della commissione del “Lions Premio Donna Talento” che mi hanno voluto onorare di questo importante riconoscimento che valorizza il talento al femminile, il ruolo professionale della donna e la cultura del merito. Ricevere questo premio mi emoziona, mi gratifica e mi esorta a continuare il mio percorso professionale sempre con grande passione e impegno così come ho fatto fino ad ora. E’ un riconoscimento che dedico e condivido con i miei familiari e con mio marito Luigi che hanno sempre amato il mio lavoro e creduto in me”.

Posted in Eventi e SpettacoliComments (0)

Partycide, il party della musica elettronica a Trepuzzi sabato 19

Il Livello Undiciottavi di Trepuzzi ospiterà la quarta edizione di Partycide, la festa elettronica che vede alternarsi in consolle durante la lunga notte di sabato 19 gennaio tutti i suoi migliori dj resident con le maggiori produzioni elettroniche salentine: i Disco Splatters, un duo che dà il suo personale tocco al vasto mondo dell’electro, spremendo al massimo i synth puntando a rendere più presenti le bassline e le kick; Tsunami J, la dj salentina Jenny Plantera, legata al classico vinile con cui, dal 2010, sperimenta vari generi; Deltamove, il progetto di Vittorio Zap (dJ/Producer), Davide Kein (Dj/Producer) e Matteo Panka (Graphic-Designer), che dal 2011 amalgamano colore e suono, proponendo una selezione varia priva di limiti di genere e di tempo e i salentini Klanstepparz, che nascono ispirati da artisti come The Prodigy, Chemical Brothers, Noisia, Pendulum, Feed Me, la cui principale caratteristica sta nello stile fatto di batterie devastanti, bassi aggressivi e synth estremi.

Il progetto Partycide è realizzato grazie alla collaborazione tra Livello Undiciottavi, Blow up e Phunkstein’s Family. La musica sarà accompagnata da video installazioni, gadget e altre novità. Start ore ore 23,00, ingresso a pagamento.

Posted in Eventi e SpettacoliComments (0)

Focara di Novoli 2013 con musica, arte e gastronomia

Alle ore 20 di questa sera, 16 gennaio, a Novoli appuntamento con la tradizionale Fòcara, il più grande falò del bacino del Mediterraneo con i suoi 25 metri di altezza e 20 di diametro. Il fuoco spesso brucia ininterrottamente per diversi giorni e nel frattempo si ascolta musica, si balla e si degustano prodotti gastronomici tipici.

I protagonisti del Fòcara Festival sono artisti provenienti da ogni parte del mondo: Mory Kanté, Enzo Avitabile & Bottari, Raiz, Sud Sound System, Asian Dub Foundation e Balkan Beat Box. La musica è accompagnata dalla mostra mercato dei prodotti tipici e la Rassegna delle Cantine del Parco del Negramaro e dell’Associazione Città del Vino. Inoltre ci sarà spazio per l’arte con una mostra dedicata a Ugo Nespolo autore del manifesto d’autore e dell’installazione sulla Fòcara 2013 e agli scatti di Mario Cresci che documentano l’edizione 2012 della festa. Ospite anche Letizia Battaglia, Premio Fòcara Fotografia 2013.

Durante l’edizione di quest’anno inoltre ci sarà l’unione tra Novoli e Oria che con il Torneo dei Rioni e la Fòcara coniugano la storia delle loro tradizioni locali, per contribuire a promuovere la cultura della Puglia anche fuori dall’Italia. La Città di Oria parteciperà con gli sbandieratori e i Gonfaloni dei 4 Rioni, Lama, Castello, San Basilio e Judea di Oria.

Posted in Eventi e SpettacoliComments (0)

Alle Officine Cantelmo Seconda Mostra Mercato del Fumetto e del Libro

Domenica 13 gennaio, dalle 10 alle 21, presso le Officine Cantelmo, in viale De Pietro a Lecce, si terrà la Seconda Mostra Mercato del Fumetto e del Libro. L’evento, organizzato con il sostegno di Regione Puglia, Bollenti Spiriti e Comune di Lecce, vuole ripetere il grande successo della prima edizione, alla quale hanno partecipato migliaia di persone.

Di seguito il programma, davvero ricco di appuntamenti:
Durante l’intera giornata vi sarà la mostra mercato dove sarà possibile comprare, scambiare e vendere qualsiasi fumetto o libro.
Ampio spazio verrà dato a presentazioni di libri, mostre di fumetti e illustrazioni di artisti locali.
Presentazione dei libri L’Eroe dei Due Mari, Nostra Madre Renata Fonte e Calleo e i Gatti di Venezia. Tutte le presentazioni avverranno con l’esposizione delle tavole e alla presenza dei rispettivi disegnatori e sceneggiatori.
Alberto Giammaruco esporrà il suo lavoro I Disoccupati (china e caffè su carta ikea).
Nel pomeriggio spazio al Cosplay Contest. Cosplay è l’arte di indossare un costume ritraente un personaggio dei fumetti e riproporne le caratteristiche. Durante il contest verranno premiati: miglior cosplay maschile, miglior cosplay femminile, miglior gruppo, migliore esibizione.

Una giornata davvero interessante, dunque, che offrirà – come sottolineano gli stessi organizzatori – tante occasioni di scambio culturale:

Durante la Mostra Mercato del Fumetto e del Libro, avrete la possibilità di fare un salto nel passato e conoscere le vecchie strisce che hanno fatto la storia dei fumetti, i manga ed i personaggi dei cartoons presenti su carta. All’interno dell’evento si avrà la possibilità di trovare oltre a fumetti e libri, anche gadget, magliette  e merchandising. L’intero evento sarà accompagnato da musica a tema.

Posted in Eventi e SpettacoliComments (0)

Il Medio Oriente di Colagiuri in mostra per Mediterraneo Foto Festival

Il Medio Oriente visto dagli occhi di un salentino. Danilo Dom Colagiuri, il fotoreporter leccese partito un mese fa alla volta del vicino Oriente, espone le foto risultato di Medioriente Experience presso il MFF. Le immagini sono in mostra dall’8 gennaio e fino al 3 febbraio prossimo, in occasione del Mediterraneo Foto Festival, in cui verrà svelato il reportage fotografico realizzato durante il viaggio intrapreso da Colagiuri tra Siria, Israele e Palestina.

Il Mediterraneo Foto Festival – MFF è un contenitore di eventi culturali che vertono attorno al tema della fotografia, una forma dell’essere artisti che unisce alla visione il disegno, la composizione, la lettura, la tecnologia, la grafica, il documento, l’estetica, la chimica e la manualità e si tiene tra Lecce e Tricase dal 5 gennaio al 3 febbraio 2013.
Una nicchia molto ampia, quella della fotografia, predisposta a fare della Puglia il centro prescelto da visitatori di tutto il mondo, attraverso attrattive dinamiche come mostre fotografiche collettive e personali, eventi correlati, workshop e ospiti prestigiosi.
Tema proposto per la seconda edizione di Mediterraneo Foto Festival è Identità, con l’obiettivo di raccontare, attraverso le foto, le tipicità di persone, luoghi, costumi, usi, valori umani, passioni, per promuovere la conoscenza, favorire l’integrazione e valorizzare le differenze, per

promuovere e trasferire la cultura della differenza intesa come valore.

In quest’ottica s’inserisce questa nuova opera di Colagiuri: la prima tappa del fotografo è stata Gaziantep, una città sita a sud-est della Turchia e si è conclusa a Tel Aviv, Israele. L’obiettivo del fotoreporter è stato quello di documentare la guerra e la conseguente crisi umanitaria provocata dal conflitto siriano, trascorrendo intere giornate prima con i ribelli, che combattono ad Aleppo e mostrando le condizioni dei campi profughi.

Nella seconda parte del viaggio, il fotoreporter, ha attraversato i territori israeliani e palestinesi, documentando non solo le contraddizioni di popoli tra conflitti civili e religiosi, ma mostrando anche le attività alternative come il surf, uno degli sport estremi di cui il fotoreporter è appassionato praticante, in grado di unire e accomunare i popoli sotto l’insegna dello svago.

L’attività di Colagiuri ha avuto anche un risvolto massmediologico e sociale importante, si è avvalso del supporto di #mediorienteExperience, un hashtag, lo strumento tipico dei social network, che ha permesso di seguire passo dopo passo l’avventura del fotoreporter su Facebook, TwitterInstagram.

Posted in Cultura, Eventi e SpettacoliComments (0)

A Campi Salentina arriva The Ghostmaker

Mercoledì 9 gennaio, alle 20.30, presso il vegan bar Voice Cafè di Campi Salentina, verrà proiettato The Ghostmaker, un film del regista Mauro Borrelli.

L’evento, presentato da Voice Cafè e Distribuzione Indipendente, si preannuncia un appuntamento irrinunciabile per gli amanti del genere thriller-horror, dato anche il cast di attori che ha preso parte alla pellicola. Stiamo parlando di Aaron Dean Eisenberg, Liz Fenning, Domiziano Arcangeli, Jared Grey, Jeff Walter Holland. La fotografia è di Eric Gustavo Petersen, le musiche di José Herring e Christopher Young, la produzione di Ed Polgardy e Scott Rudolph.

Il film appare come un cult del genere, come ben si evince dalla trama che abbiamo visionato su Movieplayer.it:

Kyle è uno studente del college che svuota cantine per rimediare un po’ di soldi. Nel sotterraneo della casa di una vecchia signora, un po’ inquietante, trova una bara. Pensando di rivenderla, Kyle se la porta a casa e scopre che in un doppio fondo c’è nascosto un meccanismo ad orologeria e la chiave di una scatola musicale. Con i suoi amici fa delle ricerche e scopre che è stata costruita nel XV secolo dal malefico Wolfgang Von Tristen, conosciuto come L’Artigiano del Diavolo. Questi costruiva meccanismi di tortura ed era irresistibilmente attratto dalla morte e dall’oltretomba; la bara, che chiamò La Macchina Fantasma, gli permise di uscire dal suo corpo mortale provando così l’esperienza della morte. Kyle e i suoi amici, uno alla volta, si sdraiano nella bara per provare quella sensazione del passaggio dalla vita alla morte. Inizialmente le loro avventure nel mondo dell’Aldilà sono divertenti e innocue, ma alla fine La Macchina Fantasma tira fuori gli impulsi e i desideri più pericolosi di ognuno di loro.

Un’avventura mozzafiato per gli appassionati del brivido d’autore, ma anche per i cinefili affezionati alla scuola italiana che, per certe espressioni cinematografiche, non ha nulla da invidiare ai tanto acclamati artisti americani. Basterebbe ricordare personalità come Rambaldi, Argento, Soavi, che pur nella loro diversità d’interpretazione di regia, hanno donato al cinema horror del Bel Paese momenti di gloria.

Posted in Eventi e SpettacoliComments (0)

Stasera Serena Spedicato presenta il suo album My Waits. Tom Waits Songbook

Con l’album My Waits. Tom Waits Songbook la cantante salentina Serena Spedicato omaggia Tom Waits, cantautore e attore statunitense che nella sua carriera musicale ha spaziato in vari generi, dal rock sperimentale al blues, al folk rock e al jazz. Il lavoro verrà presentato venerdì 4 gennaio  al Teatro Paisiello di Lecce.

Le canzoni di Waits dei primi album, da Closing Time a Heartattack and Wine,  sono state arrangiate dal bassista Pierluigi Balducci, co-leader della formazione Nuevo Tango Ensambl che accompagnerà Serena in questo concerto insieme a Gianni Lorio al bandoneon e al pianoforte, Antonio Tosques alla chitarra e Pierluigi Villani alle percussioni. I brani di Waits, proiettati in un moderno jazz, indossano una veste completamente nuova, sia nell’arrangiamento strumentale che nella voce, che nella dolcezza si Serena si allontana dalla più tenebrosa interpretazione waitsiana.

Serena Spedicato ha una lunga formazione e una intensa esperienza sul campo. È autrice e compositrice e ha collaborato con numerose formazioni acid-jazz, funky, corale e polifonico. Corista di Arthur Miles,  solista nel progetto Alessandro Quarta & his Blues Band e della Big Band Grande Salento Orchestra di Maurizio Petrelli collabora con artisti quali Roy Paci & Aretuska, Radiodervish, Massimo Manzi, Michele Rabbia, Marco Tindiglia, Arthur Miles, Arnoldo Foà e tanti altri.

Il cd è prodotto da Koinè by Dodicilune ed è promosso con il sostegno di Puglia Sounds – P.O. FESR Puglia 2007-2013 Asse IV e distribuito da IRD. Start ore 21, ingresso 5/8/10 euro.

Posted in Eventi e SpettacoliComments (0)

Slideshow

Iscriviti alla Newsletter

Subscribe to our newsletter

You will receive an email with the confirmation link (check your spam folder if NOT)
Sendit Wordpress newsletter
Sendit Wordpress newsletter

Paperback Writers

Tag Cloud

PHVsPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19hZHNfcm90YXRlPC9zdHJvbmc+IC0gdHJ1ZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX2ltYWdlXzE8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb20vYWRzLzEyNXgxMjVhLmpwZzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX2ltYWdlXzI8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb20vYWRzLzEyNXgxMjViLmpwZzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX2ltYWdlXzM8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb20vYWRzLzEyNXgxMjVjLmpwZzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX2ltYWdlXzQ8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb20vYWRzLzEyNXgxMjVkLmpwZzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX21wdV9hZHNlbnNlPC9zdHJvbmc+IC0gPHNjcmlwdCB0eXBlPVwidGV4dC9qYXZhc2NyaXB0XCIgbGFuZ3VhZ2U9XCJKYXZhU2NyaXB0XCI+DQo8IS0tDQoNCmZ1bmN0aW9uIHJhbmRvbV9pbWdsaW5rKCl7DQp2YXIgbXlpbWFnZXM9bmV3IEFycmF5KCkNCm15aW1hZ2VzWzFdPVwiL3dwLWNvbnRlbnQvdXBsb2Fkcy8yMDEyLzA1L2Jhbm5lci4tc2NoaXRvLmpwZ1wiDQoNCg0KDQoNCnZhciBpbWFnZWxpbmtzPW5ldyBBcnJheSgpDQppbWFnZWxpbmtzWzFdPVwiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC8yMDEyLzA0LzMwL2FudG9uaW8tc2NoaXRvLWludGVydmlzdGEtZG9wcGlhL1wiDQoNCg0KDQp2YXIgcnk9TWF0aC5mbG9vcihNYXRoLnJhbmRvbSgpKm15aW1hZ2VzLmxlbmd0aCkNCmlmIChyeT09MCkNCnJ5PTENCmRvY3VtZW50LndyaXRlKFwnPGEgaHJlZj1cJytcJ1wiXCcraW1hZ2VsaW5rc1tyeV0rXCdcIlwnK1wnIFRBUkdFVD1cIl9ibGFua1wiPjxpbWcgc3JjPVwiXCcrbXlpbWFnZXNbcnldK1wnXCIgPjwvYT5cJykNCn0NCnJhbmRvbV9pbWdsaW5rKCkNCi8vLS0+DQo8L3NjcmlwdD48L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19hZF9tcHVfZGlzYWJsZTwvc3Ryb25nPiAtIHRydWU8L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19hZF9tcHVfaW1hZ2U8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb20vYWRzLzMwMHgyNTBhLmpwZzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX21wdV91cmw8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb208L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19hZF90b3BfYWRzZW5zZTwvc3Ryb25nPiAtIDwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX3RvcF9kaXNhYmxlPC9zdHJvbmc+IC0gdHJ1ZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX3RvcF9pbWFnZTwvc3Ryb25nPiAtIGh0dHA6Ly9vdHJhbnRvLmlub25kYS5sZS5pdC93cC1jb250ZW50L3RoZW1lcy9wb3J0YWwvYWRzLzQ2OHg2MC9ubTQ2OHg2MC5naWY8L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19hZF90b3BfdXJsPC9zdHJvbmc+IC0gaHR0cDovL290cmFudG8uaW5vbmRhLmxlLml0Lz9wPTk5MTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX3VybF8xPC9zdHJvbmc+IC0gaHR0cDovL3d3dy53b290aGVtZXMuY29tPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fYWRfdXJsXzI8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb208L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19hZF91cmxfMzwvc3Ryb25nPiAtIGh0dHA6Ly93d3cud29vdGhlbWVzLmNvbTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX3VybF80PC9zdHJvbmc+IC0gaHR0cDovL3d3dy53b290aGVtZXMuY29tPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fYWx0X3N0eWxlc2hlZXQ8L3N0cm9uZz4gLSBsaWdodGJsdWUuY3NzPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fYXV0aG9yPC9zdHJvbmc+IC0gdHJ1ZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2F1dG9faW1nPC9zdHJvbmc+IC0gdHJ1ZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2N1c3RvbV9jc3M8L3N0cm9uZz4gLSA8L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19jdXN0b21fZmF2aWNvbjwvc3Ryb25nPiAtIDwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2ZlYXR1cmVkX2NhdGVnb3J5PC9zdHJvbmc+IC0gUHJpbW8gUGlhbm88L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19mZWF0X2VudHJpZXM8L3N0cm9uZz4gLSA0PC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fZmVlZGJ1cm5lcl9pZDwvc3Ryb25nPiAtIDwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2ZlZWRidXJuZXJfdXJsPC9zdHJvbmc+IC0gaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC8/ZmVlZD1yc3MyPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fZ29vZ2xlX2FuYWx5dGljczwvc3Ryb25nPiAtIDxzY3JpcHQ+DQogIChmdW5jdGlvbihpLHMsbyxnLHIsYSxtKXtpW1wnR29vZ2xlQW5hbHl0aWNzT2JqZWN0XCddPXI7aVtyXT1pW3JdfHxmdW5jdGlvbigpew0KICAoaVtyXS5xPWlbcl0ucXx8W10pLnB1c2goYXJndW1lbnRzKX0saVtyXS5sPTEqbmV3IERhdGUoKTthPXMuY3JlYXRlRWxlbWVudChvKSwNCiAgbT1zLmdldEVsZW1lbnRzQnlUYWdOYW1lKG8pWzBdO2EuYXN5bmM9MTthLnNyYz1nO20ucGFyZW50Tm9kZS5pbnNlcnRCZWZvcmUoYSxtKQ0KICB9KSh3aW5kb3csZG9jdW1lbnQsXCdzY3JpcHRcJyxcJy8vd3d3Lmdvb2dsZS1hbmFseXRpY3MuY29tL2FuYWx5dGljcy5qc1wnLFwnZ2FcJyk7DQoNCiAgZ2EoXCdjcmVhdGVcJywgXCdVQS0yMDQ3MTcwNC0xXCcsIFwnYXV0b1wnKTsNCmdhKFwnc2V0XCcsIFwnYW5vbnltaXplSXBcJywgdHJ1ZSk7DQogIGdhKFwnc2VuZFwnLCBcJ3BhZ2V2aWV3XCcpOw0KDQo8L3NjcmlwdD4NCg0KPHNjcmlwdD4NCiAgKGZ1bmN0aW9uKGkscyxvLGcscixhLG0pe2lbXCdHb29nbGVBbmFseXRpY3NPYmplY3RcJ109cjtpW3JdPWlbcl18fGZ1bmN0aW9uKCl7DQogIChpW3JdLnE9aVtyXS5xfHxbXSkucHVzaChhcmd1bWVudHMpfSxpW3JdLmw9MSpuZXcgRGF0ZSgpO2E9cy5jcmVhdGVFbGVtZW50KG8pLA0KICBtPXMuZ2V0RWxlbWVudHNCeVRhZ05hbWUobylbMF07YS5hc3luYz0xO2Euc3JjPWc7bS5wYXJlbnROb2RlLmluc2VydEJlZm9yZShhLG0pDQogIH0pKHdpbmRvdyxkb2N1bWVudCxcJ3NjcmlwdFwnLFwnLy93d3cuZ29vZ2xlLWFuYWx5dGljcy5jb20vYW5hbHl0aWNzLmpzXCcsXCdnYVwnKTsNCg0KICBnYShcJ2NyZWF0ZVwnLCBcJ1VBLTIwNDk2ODEzLTFcJywgXCdhdXRvXCcpOw0KZ2EoXCdzZXRcJywgXCdhbm9ueW1pemVJcFwnLCB0cnVlKTsNCiAgZ2EoXCdzZW5kXCcsIFwncGFnZXZpZXdcJyk7DQoNCjwvc2NyaXB0Pg0KPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29faG9tZTwvc3Ryb25nPiAtIGZhbHNlPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29faG9tZV90aHVtYl9oZWlnaHQ8L3N0cm9uZz4gLSA1NzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2hvbWVfdGh1bWJfd2lkdGg8L3N0cm9uZz4gLSAxMDA8L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19pbWFnZV9zaW5nbGU8L3N0cm9uZz4gLSBmYWxzZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2xvZ288L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lm90cmFudG9vZ2dpLml0L3dwLWNvbnRlbnQvd29vX3VwbG9hZHMvMTAtbG9nbzQuanBnPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fbWFudWFsPC9zdHJvbmc+IC0gaHR0cDovL3d3dy53b290aGVtZXMuY29tL3N1cHBvcnQvdGhlbWUtZG9jdW1lbnRhdGlvbi9nYXpldHRlLWVkaXRpb24vPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fcmVzaXplPC9zdHJvbmc+IC0gdHJ1ZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3Nob3J0bmFtZTwvc3Ryb25nPiAtIHdvbzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3Nob3dfY2Fyb3VzZWw8L3N0cm9uZz4gLSBmYWxzZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3Nob3dfdmlkZW88L3N0cm9uZz4gLSB0cnVlPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fc2luZ2xlX2hlaWdodDwvc3Ryb25nPiAtIDIwMDwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3NpbmdsZV93aWR0aDwvc3Ryb25nPiAtIDIwMDwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3RhYnM8L3N0cm9uZz4gLSB0cnVlPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fdGhlbWVuYW1lPC9zdHJvbmc+IC0gR2F6ZXR0ZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3VwbG9hZHM8L3N0cm9uZz4gLSBhOjg6e2k6MDtzOjYxOiJodHRwOi8vd3d3Lm90cmFudG9vZ2dpLml0L3dwLWNvbnRlbnQvd29vX3VwbG9hZHMvMTAtbG9nbzQuanBnIjtpOjE7czo2MDoiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC93cC1jb250ZW50L3dvb191cGxvYWRzLzktbG9nbzQuanBnIjtpOjI7czo2MDoiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC93cC1jb250ZW50L3dvb191cGxvYWRzLzgtbG9nbzMuanBnIjtpOjM7czo2MDoiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC93cC1jb250ZW50L3dvb191cGxvYWRzLzctbG9nbzMuanBnIjtpOjQ7czo2MDoiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC93cC1jb250ZW50L3dvb191cGxvYWRzLzYtbG9nbzMuanBnIjtpOjU7czo2MDoiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC93cC1jb250ZW50L3dvb191cGxvYWRzLzUtbG9nbzIuanBnIjtpOjY7czo1OToiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC93cC1jb250ZW50L3dvb191cGxvYWRzLzQtbG9nby5qcGciO2k6NztzOjU5OiJodHRwOi8vd3d3Lm90cmFudG9vZ2dpLml0L3dwLWNvbnRlbnQvd29vX3VwbG9hZHMvMy1sb2dvLmpwZyI7fTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3ZpZGVvX2NhdGVnb3J5PC9zdHJvbmc+IC0gVmlkZW88L2xpPjwvdWw+