Tag Archive | "sicurezza stradale"

Maglie, torna la Giornata del Ricordo delle Vittime della Strada


Maglie si ferma per ricordare e piangere i suoi figli morti sulle strade. Domenica 20 novembre a Maglie, in piazza Aldo Moro, si celebra la Giornata mondiale del Ricordo delle Vittime della Strada. L’iniziativa è promossa dall’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada. Come ogni anno, nella piazza, saranno esposte alcune vetture accartocciate a seguito di impatti violenti e alle 12 sarà osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime di incidenti stradali. Saranno inoltre esposte le foto di vittime di sinistri avvenuti in provincia di Lecce, davanti alle quali a mezzogiorno sarà deposto un mazzo di fiori. Nelle chiese di Maglie, le vittime della strada saranno ricordate nella preghiera dei fedeli, e alle 18 sarà celebrata una messa in suffragio presso la chiesa della Presentazione del Signore. In piazza, sarà inoltre presente uno stand per la raccolta firme a supporto della proposta di legge C.3274, che da oltre un anno giace in Parlamento. Con questa proposta l’Aifvs chiede l’introduzione dell’omicidio stradale come fattispecie di reato autonoma, in cui ricomprendere le condotte di guida temeraria, azzardata e pericolosa. “I reati stradali sono troppo spesso sottovalutati sia dal legislatore che dai giudici – dichiara Eva Ruggeri, referente locale dell’Aifvs – che pur avendo gli strumenti, considerano di fatto questi crimini come reati minori, trascurando che anche pene più severe contribuirebbero a fare prevenzione. Speriamo, con questa raccolta-firme, di sollecitare anche nelle istituzioni una nuova coscienza sociale rispetto a un problema che non riguarda solo i familiari delle vittime ma che è un problema della società tutta”. Nella stessa giornata, sempre in piazza Aldo Moro, l’Automobil Club Lecce, in collaborazione con la Provincia, allestirà una postazione dove sarà possibile effettuare controlli gratuiti dell’udito, sempre nell’ambito della prevenzione degli incidenti stradali: si è riscontrato infatti che anche la ridotta capacità uditiva è spesso causa di sinistri.

Posted in Attualità, Eventi e SpettacoliComments (0)

A Maglie miss Motors, ambasciatrice della sicurezza stradale in Italia


Bellezza e sicurezza possono essere un binomio inusuale. Non per il concorso miss Motors, che si è tenuto nei giorni scorsi a Maglie presso la discoteca Living, per incoronare la reginetta e il re testimonial della sicurezza stradale nel Belpaese. Miss Motors è Thays Olegario, brasiliana che vive in provincia di Caserta, mentre mister Motors è il catanese Marco Aperi. La palma di mister International va invece ad Angelo Maietta di Benevento. Thays e Marco sono stati eletti dalla giuria presieduta dallo stilista brindisino Alessandro D’Amico. Durante le finali oltre ai vincitori sono stati premiati altri concorrenti, cinque ragazze e cinque ragazzi: Francesca Vivo, 17 anni, di Portici (Napoli), miss Motors Model, Sara Beani, 21 anni, di Biella, miss Motors Bike, Carlotta Baglieri, 18 anni, di Scicli (Ragusa), miss Motors Fitness, Alice Passera, 17 anni, di Salsomaggiore (Parma), miss Motors Web, Ester Condorelli, 20 anni, di Misterbianco (Catania), miss Motors Media, Salvatore Pisa, 23 anni, di Marano di Napoli, mister Motors Bike, Gaetano Fusco, 19 anni, di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), mister Motors Media, Eugenio D’Orio, 23 anni, di Castellammare di Stabia (Napoli), mister Motors Model, Giosuè Fondacaro, 21 anni, di Cittanova (Reggio Calabria), mister Motors Fitness. Nei prossimi giorni tutti i settanta finalisti di miss e mister Motors saranno selezionati per scattare in Puglia il calendario ufficiale 2012 dei concorsi, a cura del talentuoso fotografo brasiliano Wilson Gomes. “È stato un successo straordinario – commenta il patron del concorso di bellezza Bruno Dalto – abbiamo unito i due format ed è stata una formula vincente perché siamo riusciti nuovamente a suscitare l’interesse di chi ci ha già contattato per disputare le finali del prossimo anno”. Intanto si sono già aperte le iscrizioni per le edizioni del 2012, che si possono effettuare contattando i numeri 099/4777907, 339/4761203 o inviando tramite email tre foto a info@missmotors.net. Le tappe inizieranno dal mese di novembre.

Posted in AttualitàComments (0)

Maglie, la Provincia finanzia gli edifici scolastici


Progetti di messa in sicurezza per gli istituti scolastici magliesi e per le strade salentine. Sono quelli approvati in questi giorni dalla Provincia di Lecce, attraverso dei finanziamenti mirati. Si tratta di interventi che rientrano nel “Programma straordinario stralcio di interventi urgenti sul patrimonio scolastico”, che coinvolgeranno l’istituto professionale “Egidio Lanoce”, per la sua succursale di via Battisti, la cui messa in sicurezza è stata finanziata in 170mila euro, la succursale di via Brenta del tecnico industriale “Enrico Fermi” che è stata finanziata per 140mila euro, e il liceo scientifico “Leonardo da Vinci” che riceverà 70mila euro. “La scuola e la sicurezza sono una priorità per la Provincia di Lecce – ha commentato l’assessore all’Edilizia Scolastica Massimo Como – Il nostro obiettivo primario è la sicurezza degli istituti, in modo da offrire i contenitori più adatti per l’istruzione. Sono stati deliberati anche degli interventi per l’edilizia stradale. Sono stati concessi 75mila euro al comune di Carmiano per la realizzazione di una rotatoria sulla provinciale Carmiano-Villa Convento, intersezione con la nuova bretella stradale di nuova realizzazione congiungente la strada Carmiano-Novoli alla Carmiano-Villa Convento. Il tratto stradale in questione ricade in ambito fortemente urbanizzato di strade provinciali, ed è soggetto a un volume di traffico di particolare intensità ed eterogeneità. È stato approvato anche il progetto definitivo dei lavori di adeguamento di un’intersezione nella provinciale Diso-Marittima e la strada comunale di collegamento Diso-Andrano. L’intervento prevede una rotatoria all’ingresso di Diso, per cui sono stati stanziati fondi pari a 315mila euro. “L’intervento ricade su un punto nodale del traffico locale – prosegue Como – e renderà più agevole e sicuro il traffico veicolare di solito molto intenso, poiché si tratta di strade che collegano più comuni”.

Posted in Politica, Primo PianoComments (0)

Corto Magliese per la Sicurezza Stradale, premiazione il 2 settembre


Ѐ giunta al termine anche la quarta edizione di Corto Magliese per la Sicurezza Stradale. La serata, che si svolgerà il 2 settembre presso villa Tamborino a Maglie, avrà inizio alle ore 21 e sarà presentata dalla giornalista Eta Scrutinio. La manifestazione è organizzata dalla sezione locale dell’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada e rientra nella rassegna estiva del Comune di Maglie, Solebarocco. La giuria che ha avuto il duro compito di selezionare le opere migliori è composta dalla presidente dell’associazione Eva Ruggeri, l’autrice TV Rossella Abate, lo scenografo Carlo Di Cillo, lo sceneggiatore Daniele Portaluri, la produttrice Rita Surdo e infine, il giornalista Maurizio Tarantino. I premi saranno assegnati ai primi tre classificati e al miglior corto scolastico. Nello specifico, sul gradino più alto del podio è giunto il corto “One Morning” di Hermes Mangialardo, al secondo posto troviamo “3 minuti per la vita” di Andrea e Piero Schirinzi, e infine al terzo “Spot sicurezza” di Rosa Maria Bassi. Come migliore corto scolastico verrà premiato “Impara a distinguere”, realizzato dall’istituto professionale “Ilaria Alpi” di Copertino. Avranno la loro visibilità, gli spot in gara, perché verranno tutti proiettati nel corso della serata. La rilevanza nazionale di questo evento è rimarcata dalla presenza di spot giunti da ogni parte d’Italia, dalla Sicilia alla Liguria passando per il Lazio e l’Emilia Romagna. Sempre nella stessa sera verrà proiettato anche il cortometraggio “Il sogno” di Giacomo Franciosa, con il vincitore del Grande Fratello 10 Mauro Marin. Il tutto sarà allietato dalla voce di Simona Traficante e dalle note del pianoforte suonato da Alessandro Casciaro.

Alessandro Conte

Posted in CulturaComments (0)

Martano, grande commozione ai funerali del centauro morto lunedì: “Rimarrai sempre con noi”


Si sono tenuti ieri nella chiesa di Maria Santissima del Rosario i funerali di Alessandro Gallone, il 33enne di Martano che lunedì ha perso la vita in un tragico incidente stradale sulla provinciale 151 per Otranto, a bordo della sua moto. Stava tornando a casa, nella sua Martano, dopo essere stato in compagnia degli amici al mare; nemmeno ventiquattro ore dopo suoi i funerali.

Era un ragazzo che affrontava con gioia e determinazione la sua giornata, i suoi impegni lavorativi, le sue relazioni con le persone care, Alessandro: i genitori, i fratelli Alessia e Andrea e tantissimi amici. Nella sua omelia don Luigi Caracciolo, che conosce molto bene la famiglia Gallone, ha ricordato il giorno in cui trentatré anni fa Alessandro aveva ricevuto il sacramento del battesimo, e la gioia dei genitori Antonietta e Renato per Alessandro che diventava figlio di Dio con l’acqua battesimale. La felicità, il dolore, i sacrifici, le speranze, le soddisfazioni, le delusioni della vita passano tutte in un attimo, un attimo troppo intenso per poter essere interpretato e descritto. Gli amici non si capacitavano, ieri, nella chiesa: nessuno, nell’immenso corteo, è riuscito a realizzare quanto stava accadendo. Ad esprimere emozioni troppo intense, fuori dalla chiesa, un camion-vela che gli amici avevano fatto allestire per ricordare Alessandro con un’immagine vigorosa e splendida, e poi un pensiero semplice e profondo: “Con il tuo sorriso e la tua simpatia rimarrai sempre nei nostri cuori”. All’uscita dalla chiesa un applauso di vicinanza al dolore che la famiglia Gallone sta inesorabilmente attraversando. La comunità martanese si quindi stringe intorno all’ennesimo figlio scomparso in questa guerra silenziosa della strada, e non farà mancare alla famiglia di Alessandro l’affetto e la forza per ricominciare, anche se di fronte a una simile tragedia tutto appare senza senso. Il corteo è passato anche dinanzi alla casa del ragazzo, in via Zaca a Martano: un momento ancor più difficile, poi l’arrivo al cimitero sulle spalle degli amici di sempre, che non sono riusciti a trattenere le lacrime per l’amico che porteranno sempre nei loro cuori.

Fabio Tarantino

Posted in Cronaca, Primo PianoComments (0)

Maglie, striscioni e moto per l’addio a Francesco Uglia


Se n’è andato in silenzio, Francesco Uglia. Nel silenzio del dolore della grande folla che ha partecipato al suo funerale, celebrato nella chiesa del Sacro Cuore. Il giovane diciottenne magliese non ce l’aveva fatta, dopo che la sua moto aveva impattato un’Opel Corsa a Muro Leccese, lo scorso sabato sera. Le indagini faranno chiarezza sulla dinamica dell’incidente, che per ora sembrano escludere responsabilità da parte del conducente della Opel, il quale tuttavia sarà sottoposto a inchiesta per omicidio colposo, com’è prassi in questi casi. Intanto il funerale di Francesco si è svolto come sempre in questi casi: un bagno di folla a testimoniare che ogni ragazzo che se ne va è una grande perdita per la comunità, la quale non si capacita e scuote il capo di fronte alle leggi del destino. Tanti striscioni, realizzati dagli amici di Francesco, hanno fatto da sfondo alla cerimonia funebre; e sul sagrato della chiesa sono state schierate le moto, la sua grande passione coltivata anche a livello sportivo. Il funerale è stato officiato da don Antonio Carluccio, parroco della chiesa del Sacro Cuore, che ha messo in evidenza come le campane abbiano rintoccato a morto tante volte quanti sono stati i ragazzi magliesi scomparsi negli ultimi tre anni. Un ferita che non si rimargina, uno squarcio nel cuore della città per ognuno di questi ragazzi che non ci sono più, per le loro famiglie e per i loro amici. Cui resta solo il dolore della perdita.

Posted in Cronaca, Primo PianoComments (0)

Gli ambientalisti contro l’allargamento della Maglie-Collepasso


L’allargamento della Maglie-Collepasso porterà al taglio di numerosi ulivi. E gli ambientalisti si scagliano contro il provvedimento, chiedendo alle autorità competenti di fermare questo provvedimento. Il taglio degli ulivi era nell’aria, dato che da qualche tempo, sulle piante a ridosso della strada, sono comparsi dei segni rossi, a indicare quali di questi arbusti avrebbero dovuto fare posto alla strada. Si tratta di una questione di sicurezza stradale, oltre che pratica, ma gli ambientalisti non ci stanno, soprattutto perché – spiegano in un comunicato – gli interventi di ripiantumazione sarebbero fuori luogo in questo periodo dell’anno. “Si tratta del tratto della SP 361, la strada provinciale Maglie-Gallipoli – spiegano dal Coordinamento civico di Maglie – sembrano lavori di allargamento della carreggiata e rettificazione della curva. Nulla da eccepire su tutto questo, che risponde a legittime e sempre auspicabili operazioni volte alla massimizzazione della sicurezza e scorrevolezza stradale, fermo restando che la riduzione della velocità, e l’aumento dell’attenzione del guidatore durante la guida, devono essere gli scopi principali da perseguire col massimo impegno per la riduzione vera e drastica della dolorosissima piaga sociale degli incidenti automobilistici”. Va detto però che nella zona gli incidenti stradali sono all’ordine del giorno e sono anche piuttosto gravi, anche per via della presenza di ulivi che non vengono “protetti” dal guardrail. La strada è abbastanza impegnativa, anche per via dei numerosi dossi naturali che in determinate ore del giorno rendono difficoltosa la visibilità, e la presenza dei mezzi pesanti fa il resto.

Posted in Ambiente, Primo PianoComments (0)

Maglie, i bambini delle elementari vigili per un giorno con licenza di multare


I bambini delle scuole elementari tornano a elevare multe morali. Si ripete per il secondo anno la manifestazione organizzata dalla sezione di Maglie dell’associazione Familiari e vittime della strada presieduta da Eva Ruggeri. In pratica, domattina, gli alunni delle classi quarte della scuola elementare “Principe di Piemonte” circoleranno, accompagnati dai “Nonni civici”, per le vie della città: distribuiranno divertenti opuscoli sulla sicurezza dei pedoni ed eleveranno agli automobilisti indisciplinati una multa simbolica per invitarli al rispetto degli utenti deboli della strada. Saranno “contravvenzionati” con una multa sul parabrezza tutti coloro che occupano con i propri autoveicoli le zone destinate ai pedoni (strisce pedonali, marciapiedi, ecc.). Alla multa morale farà seguito una lettera con cui l’amministrazione comunale, che patrocina l’evento inviterà l’automobilista al rispetto del Codice della Strada. “Nessuna sanzione pecuniaria – spiega Ruggeri – ma una figuraccia con i bambini, ai quali noi adulti dovremmo dare il buon esempio, e una tirata d’orecchi per chi non rispetta gli utenti deboli. Ricordiamo che ogni anno in Italia vengono uccisi più di 600 pedoni e ne vengono feriti più di 20.000, ed è significativo che il 30% di essi perda la vita mentre attraversa sulle strisce”. Per insegnare ai bambini, futuri automobilisti, a diventare sin d’ora più rispettosi delle regole, inviteremo i bambini a scrivere le loro riflessioni sulla sicurezza stradale su un post-it da incollare su un sidecar d’epoca che sarà collocato in piazza Aldo Moro. “Con l’aiuto del vigile Salvatore Rizzo, spiegheremo ai bambini – prosegue – che anche i pedoni hanno diritti e doveri, gli illustreremo la segnaletica stradale e i pericoli connessi al traffico. Vogliamo che siano proprio i più piccoli a veicolare il messaggio agli adulti: sappiamo che la sollecitazione a un comportamento corretto fatta da un figlio al genitore vale più di mille contravvenzioni”.

Posted in AttualitàComments (0)

Incidenti stradali prima causa di morte tra i giovani. L’Aifvs lancia l’allarme


Si avvicina l’estate e i morti sulle strade aumentano come ogni anno a dismisura. Ma siamo realmente consapevoli dei pericoli della strada e facciamo un uso consapevole di motociclette e automobili? Ne abbiamo parlato con la presidente dell’Associazione italiana vittime della strada di Maglie, Eva Ruggeri, ultimamente rieletta all’interno del direttivo nazionale.

Perché d’estate ci sono più incidenti stradali?

“Il numero di incidenti è sempre correlato al numero di veicoli in transito, che in estate nel Salento aumenta sensibilmente. Non a caso, poi, la maggior parte dei sinistri mortali avviene in ore notturne, quando circolano molti guidatori inesperti, che si lasciano prendere dall’ebbrezza della velocità sottovalutando i rischi connessi alla guida di un veicolo. A ciò si aggiungono l’abuso di alcol e, soprattutto tra i giovanissimi, l’uso di droghe. Un altro fattore decisivo, e spesso sottovalutato, è la stanchezza, in grado di far calare il livello di attenzione nella percezione dei pericoli e di allungare notevolmente i tempi di reazione. L’insieme di questi fattori crea spesso, purtroppo, un mix micidiale che d’estate causa un’impennata del numero di incidenti, soprattutto di quelli più gravi, le cui prime vittime sono sempre i giovani”.

La provincia di Lecce quest’anno sembra aver abbassato il numero d’incidenti, qual è la ricetta di un’attività stradale virtuosa?

“I dati relativi al numero di incidenti sono purtroppo sempre incerti e contrastanti. I dati del 118 si discostano notevolmente da quelli forniti dall’Istat, e pur riferendosi soltanto ai decessi avvenuti nell’immediatezza degli incidenti, non sono assolutamente confortanti. È quanto mai urgente predisporre e rendere efficiente un monitoraggio affidabile dei sinistri che avvengono sul territorio, soprattutto di quelli più gravi, in modo da stabilirne le cause e poter adottare tutti gli accorgimenti utili ad arginare la strage stradale”.

Quali sono i maggiori problemi strutturali che permangono sulle strade del Salento?

“Il Salento ha una rete viaria vastissima e certamente non facile da gestire. Sono tantissime le strade ormai inadeguate al volume di traffico che si trovano a dover sostenere, soprattutto nei mesi estivi. Il monitoraggio a cui facevo riferimento è un passo indispensabile per poter mettere a punto interventi mirati proprio sui tratti di strada che risultano più pericolosi. La mancanza di guard rail in tratti fiancheggiati da ostacoli – il caso tipico è quello degli alberi di ulivo- così come gli incroci a raso che collegano la viabilità principale con stradine percorse spesso da mezzi agricoli, sono spesso teatro dei sinistri più gravi, e dovrebbero essere oggetto di interventi urgenti da parte degli enti gestori. Anche un sistema più capillare di controlli contribuirebbe senz’altro a modificare molti atteggiamenti di guida sbagliati e purtroppo radicati nei guidatori salentini”.

Quali sono gli atteggiamenti che un guidatore non consapevole dovrebbe adottare?

“Avere una condotta di guida corretta è innanzitutto una questione di buon senso, ma purtroppo soltanto l’esperienza può insegnarci a conoscere la strada e i suoi pericoli. Spesso infatti anche i guidatori meno esperti hanno per abitudine comportamenti di guida scorretti e spericolati, sottovalutando sempre i pericoli della circolazione e sopravvalutando le proprie capacità: sono convinti che l’incidente mortale sia una fatalità in cui possono imbattersi soltanto gli altri. I numeri, però, ci dicono il contrario: l’incidente è la prima causa di morte tra i giovani neopatentati. E’ un dato che nessuno, soprattutto i ragazzi, dovrebbe sottovalutare”.

L’attività di sensibilizzazione funziona davvero?

“Gli interventi di sensibilizzazione sono essenziali per diffondere la cultura della sicurezza stradale. Certamente però non possono limitarsi ad interventi “spot” di un paio d’ore nelle classi o fuori dalle discoteche. Il primo veicolo di queste informazioni dovrebbe essere la famiglia: come si può chiedere a un ragazzo di essere attento al volante quando i suoi genitori mantengono condotte di guida spericolate, usano regolarmente il cellulare mentre guidano e magari non indossano le cinture?”.

Angela Leucci

Posted in CronacaComments (0)


Slideshow

Iscriviti alla Newsletter

Subscribe to our newsletter

You will receive an email with the confirmation link (check your spam folder if NOT)
Sendit Wordpress newsletter
Sendit Wordpress newsletter

Paperback Writers

Tag Cloud

PHVsPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19hZHNfcm90YXRlPC9zdHJvbmc+IC0gdHJ1ZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX2ltYWdlXzE8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb20vYWRzLzEyNXgxMjVhLmpwZzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX2ltYWdlXzI8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb20vYWRzLzEyNXgxMjViLmpwZzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX2ltYWdlXzM8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb20vYWRzLzEyNXgxMjVjLmpwZzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX2ltYWdlXzQ8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb20vYWRzLzEyNXgxMjVkLmpwZzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX21wdV9hZHNlbnNlPC9zdHJvbmc+IC0gPHNjcmlwdCB0eXBlPVwidGV4dC9qYXZhc2NyaXB0XCIgbGFuZ3VhZ2U9XCJKYXZhU2NyaXB0XCI+DQo8IS0tDQoNCmZ1bmN0aW9uIHJhbmRvbV9pbWdsaW5rKCl7DQp2YXIgbXlpbWFnZXM9bmV3IEFycmF5KCkNCm15aW1hZ2VzWzFdPVwiL3dwLWNvbnRlbnQvdXBsb2Fkcy8yMDEyLzA1L2Jhbm5lci4tc2NoaXRvLmpwZ1wiDQoNCg0KDQoNCnZhciBpbWFnZWxpbmtzPW5ldyBBcnJheSgpDQppbWFnZWxpbmtzWzFdPVwiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC8yMDEyLzA0LzMwL2FudG9uaW8tc2NoaXRvLWludGVydmlzdGEtZG9wcGlhL1wiDQoNCg0KDQp2YXIgcnk9TWF0aC5mbG9vcihNYXRoLnJhbmRvbSgpKm15aW1hZ2VzLmxlbmd0aCkNCmlmIChyeT09MCkNCnJ5PTENCmRvY3VtZW50LndyaXRlKFwnPGEgaHJlZj1cJytcJ1wiXCcraW1hZ2VsaW5rc1tyeV0rXCdcIlwnK1wnIFRBUkdFVD1cIl9ibGFua1wiPjxpbWcgc3JjPVwiXCcrbXlpbWFnZXNbcnldK1wnXCIgPjwvYT5cJykNCn0NCnJhbmRvbV9pbWdsaW5rKCkNCi8vLS0+DQo8L3NjcmlwdD48L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19hZF9tcHVfZGlzYWJsZTwvc3Ryb25nPiAtIHRydWU8L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19hZF9tcHVfaW1hZ2U8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb20vYWRzLzMwMHgyNTBhLmpwZzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX21wdV91cmw8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb208L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19hZF90b3BfYWRzZW5zZTwvc3Ryb25nPiAtIDwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX3RvcF9kaXNhYmxlPC9zdHJvbmc+IC0gdHJ1ZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX3RvcF9pbWFnZTwvc3Ryb25nPiAtIGh0dHA6Ly9vdHJhbnRvLmlub25kYS5sZS5pdC93cC1jb250ZW50L3RoZW1lcy9wb3J0YWwvYWRzLzQ2OHg2MC9ubTQ2OHg2MC5naWY8L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19hZF90b3BfdXJsPC9zdHJvbmc+IC0gaHR0cDovL290cmFudG8uaW5vbmRhLmxlLml0Lz9wPTk5MTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX3VybF8xPC9zdHJvbmc+IC0gaHR0cDovL3d3dy53b290aGVtZXMuY29tPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fYWRfdXJsXzI8L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lndvb3RoZW1lcy5jb208L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19hZF91cmxfMzwvc3Ryb25nPiAtIGh0dHA6Ly93d3cud29vdGhlbWVzLmNvbTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2FkX3VybF80PC9zdHJvbmc+IC0gaHR0cDovL3d3dy53b290aGVtZXMuY29tPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fYWx0X3N0eWxlc2hlZXQ8L3N0cm9uZz4gLSBsaWdodGJsdWUuY3NzPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fYXV0aG9yPC9zdHJvbmc+IC0gdHJ1ZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2F1dG9faW1nPC9zdHJvbmc+IC0gdHJ1ZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2N1c3RvbV9jc3M8L3N0cm9uZz4gLSA8L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19jdXN0b21fZmF2aWNvbjwvc3Ryb25nPiAtIDwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2ZlYXR1cmVkX2NhdGVnb3J5PC9zdHJvbmc+IC0gUHJpbW8gUGlhbm88L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19mZWF0X2VudHJpZXM8L3N0cm9uZz4gLSA0PC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fZmVlZGJ1cm5lcl9pZDwvc3Ryb25nPiAtIDwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2ZlZWRidXJuZXJfdXJsPC9zdHJvbmc+IC0gaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC8/ZmVlZD1yc3MyPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fZ29vZ2xlX2FuYWx5dGljczwvc3Ryb25nPiAtIDxzY3JpcHQ+DQogIChmdW5jdGlvbihpLHMsbyxnLHIsYSxtKXtpW1wnR29vZ2xlQW5hbHl0aWNzT2JqZWN0XCddPXI7aVtyXT1pW3JdfHxmdW5jdGlvbigpew0KICAoaVtyXS5xPWlbcl0ucXx8W10pLnB1c2goYXJndW1lbnRzKX0saVtyXS5sPTEqbmV3IERhdGUoKTthPXMuY3JlYXRlRWxlbWVudChvKSwNCiAgbT1zLmdldEVsZW1lbnRzQnlUYWdOYW1lKG8pWzBdO2EuYXN5bmM9MTthLnNyYz1nO20ucGFyZW50Tm9kZS5pbnNlcnRCZWZvcmUoYSxtKQ0KICB9KSh3aW5kb3csZG9jdW1lbnQsXCdzY3JpcHRcJyxcJy8vd3d3Lmdvb2dsZS1hbmFseXRpY3MuY29tL2FuYWx5dGljcy5qc1wnLFwnZ2FcJyk7DQoNCiAgZ2EoXCdjcmVhdGVcJywgXCdVQS0yMDQ3MTcwNC0xXCcsIFwnYXV0b1wnKTsNCmdhKFwnc2V0XCcsIFwnYW5vbnltaXplSXBcJywgdHJ1ZSk7DQogIGdhKFwnc2VuZFwnLCBcJ3BhZ2V2aWV3XCcpOw0KDQo8L3NjcmlwdD4NCg0KPHNjcmlwdD4NCiAgKGZ1bmN0aW9uKGkscyxvLGcscixhLG0pe2lbXCdHb29nbGVBbmFseXRpY3NPYmplY3RcJ109cjtpW3JdPWlbcl18fGZ1bmN0aW9uKCl7DQogIChpW3JdLnE9aVtyXS5xfHxbXSkucHVzaChhcmd1bWVudHMpfSxpW3JdLmw9MSpuZXcgRGF0ZSgpO2E9cy5jcmVhdGVFbGVtZW50KG8pLA0KICBtPXMuZ2V0RWxlbWVudHNCeVRhZ05hbWUobylbMF07YS5hc3luYz0xO2Euc3JjPWc7bS5wYXJlbnROb2RlLmluc2VydEJlZm9yZShhLG0pDQogIH0pKHdpbmRvdyxkb2N1bWVudCxcJ3NjcmlwdFwnLFwnLy93d3cuZ29vZ2xlLWFuYWx5dGljcy5jb20vYW5hbHl0aWNzLmpzXCcsXCdnYVwnKTsNCg0KICBnYShcJ2NyZWF0ZVwnLCBcJ1VBLTIwNDk2ODEzLTFcJywgXCdhdXRvXCcpOw0KZ2EoXCdzZXRcJywgXCdhbm9ueW1pemVJcFwnLCB0cnVlKTsNCiAgZ2EoXCdzZW5kXCcsIFwncGFnZXZpZXdcJyk7DQoNCjwvc2NyaXB0Pg0KPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29faG9tZTwvc3Ryb25nPiAtIGZhbHNlPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29faG9tZV90aHVtYl9oZWlnaHQ8L3N0cm9uZz4gLSA1NzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2hvbWVfdGh1bWJfd2lkdGg8L3N0cm9uZz4gLSAxMDA8L2xpPjxsaT48c3Ryb25nPndvb19pbWFnZV9zaW5nbGU8L3N0cm9uZz4gLSBmYWxzZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX2xvZ288L3N0cm9uZz4gLSBodHRwOi8vd3d3Lm90cmFudG9vZ2dpLml0L3dwLWNvbnRlbnQvd29vX3VwbG9hZHMvMTAtbG9nbzQuanBnPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fbWFudWFsPC9zdHJvbmc+IC0gaHR0cDovL3d3dy53b290aGVtZXMuY29tL3N1cHBvcnQvdGhlbWUtZG9jdW1lbnRhdGlvbi9nYXpldHRlLWVkaXRpb24vPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fcmVzaXplPC9zdHJvbmc+IC0gdHJ1ZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3Nob3J0bmFtZTwvc3Ryb25nPiAtIHdvbzwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3Nob3dfY2Fyb3VzZWw8L3N0cm9uZz4gLSBmYWxzZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3Nob3dfdmlkZW88L3N0cm9uZz4gLSB0cnVlPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fc2luZ2xlX2hlaWdodDwvc3Ryb25nPiAtIDIwMDwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3NpbmdsZV93aWR0aDwvc3Ryb25nPiAtIDIwMDwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3RhYnM8L3N0cm9uZz4gLSB0cnVlPC9saT48bGk+PHN0cm9uZz53b29fdGhlbWVuYW1lPC9zdHJvbmc+IC0gR2F6ZXR0ZTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3VwbG9hZHM8L3N0cm9uZz4gLSBhOjg6e2k6MDtzOjYxOiJodHRwOi8vd3d3Lm90cmFudG9vZ2dpLml0L3dwLWNvbnRlbnQvd29vX3VwbG9hZHMvMTAtbG9nbzQuanBnIjtpOjE7czo2MDoiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC93cC1jb250ZW50L3dvb191cGxvYWRzLzktbG9nbzQuanBnIjtpOjI7czo2MDoiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC93cC1jb250ZW50L3dvb191cGxvYWRzLzgtbG9nbzMuanBnIjtpOjM7czo2MDoiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC93cC1jb250ZW50L3dvb191cGxvYWRzLzctbG9nbzMuanBnIjtpOjQ7czo2MDoiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC93cC1jb250ZW50L3dvb191cGxvYWRzLzYtbG9nbzMuanBnIjtpOjU7czo2MDoiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC93cC1jb250ZW50L3dvb191cGxvYWRzLzUtbG9nbzIuanBnIjtpOjY7czo1OToiaHR0cDovL3d3dy5vdHJhbnRvb2dnaS5pdC93cC1jb250ZW50L3dvb191cGxvYWRzLzQtbG9nby5qcGciO2k6NztzOjU5OiJodHRwOi8vd3d3Lm90cmFudG9vZ2dpLml0L3dwLWNvbnRlbnQvd29vX3VwbG9hZHMvMy1sb2dvLmpwZyI7fTwvbGk+PGxpPjxzdHJvbmc+d29vX3ZpZGVvX2NhdGVnb3J5PC9zdHJvbmc+IC0gVmlkZW88L2xpPjwvdWw+